Reggio Calabria, la Villa Comunale ricolma di ragazzi per il primo raduno Pokémon Go [FOTO]

Ieri alla Villa Comunale di Reggio Calabria il primo raduno Pokémon Go: un centinaio di ragazzi riuniti per divertirsi insieme all’aria aperta

Raduno Pokemon Villa Comunale Reggio0500Scene da Central Park ieri alla Villa Comunale di Reggio Calabria con gruppi di ragazzi che correvano tutti insieme verso un’unica direzione: si è tenuto infatti il primo raduno cittadino di Pokémon Go, il videogioco in realtà aumentata per smartphone che è diventato in brevissimo tempo un caso mondiale.
Studiosi, religiosi, esperti di fenomeni sociali si sono interessati all’argomento, a volte addirittura demonizzandolo. Il gioco si rifà alla fortunatissima serie di cartoni animati “Pokémon” che tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del 2000 ha spopolato tra i ragazzini venendo trasmesso in tv nel primo pomeriggio. La moda dei Pokémon era poi stata soppiantata da altre serie più moderne finché gli sviluppatori di Niantic e Nintendo non hanno avuto l’idea di sviluppare un videogioco per cellulari mettendo insieme tutte le tecnologie più avanzate per fare breccia nel cuore dei ragazzi più piccoli ma anche in quello nostalgico dei tanti fan dei Pokémon ormai ventenni e trentenni. Pokémon Go, infatti, grazie alle sue logiche, conquista il giocatore dal primo accesso, quando si ritrova sul letto, sul tavolo, per strada o ovunque lui sia i suoi Pokémon preferiti e vede realizzarsi il sogno di una vita: diventare allenatore e acchiapparli tutti.

Raduno Pokemon Villa Comunale Reggio0800Il punto di forza del gioco è il collegamento Gps che “costringe” i giocatori ad uscire di casa e a camminare per strada per andare avanti e aumentare di livello, sbloccando Pokémon e attrezzature migliori. Le critiche partono principalmente per via del fatto che questa dinamica ha causato vari problemi a causa di un uso scorretto del gioco, di cui però non possono essere accusati gli sviluppatori ma solo la mancanza di buon senso dei giocatori.
Ieri pomeriggio un centinaio di ragazzi, indossando la maglietta del colore del proprio team (blu, gialla o rossa) hanno potuto partecipare a una gara di ricerca e cattura dei Pokémon migliori, nella durata di 40 minuti. La Villa Comunale non è mai stata vissuta così intensamente da tanti ragazzi insieme, almeno negli ultimi quindici anni. Eventi del genere potrebbero far rivivere luoghi della città altrimenti poco frequentati.
La nota triste? Dover aspettare dei programmatori d’oltreoceano per ricordare ai ragazzi che in città esistono punti d’interesse speciali, che permettono di stare in compagnia e all’aria aperta divertendosi e condividendo qualcosa insieme. Un plauso va, perciò, agli organizzatori dell’evento, che con quest’idea hanno permesso un pomeriggio speciale per tanti ragazzi.