Ecco le nuove nomine deliberate dal Governo Renzi

Il governo Renzi ha deciso alcune promozioni su proposta del Ministro ella Difesa Pinotti

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Il Consiglio dei ministri si è riunito giovedì 30 Giugno 2016 alle ore 19.25 a Palazzo Chigi sotto la presidenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Claudio De Vincenti e,  tra gli altri provvedimenti deliberati nella seduta n. 122 , ha approvato, su proposta del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, le seguenti promozioni:

  • il generale di divisione Agostino BIANCAFARINA nato il 23 agosto 1957 ad Alviano (Terni).promosso a generale di corpo d’armata dell’Esercito , a decorrere dal 22 giugno 2016;
  • l’ammiraglio di divisione Paolo TREU nato il 15 luglio 1958, a San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone promosso ad ammiraglio di squadra,  dal 1° luglio 2016;
  •  il generale di divisione Marcello MAZZUCA promosso a generale di corpo d’armata dell’Arma dei carabinieri, dal 1° luglio 2016.  Il Generale di Divisione dei carabinieri  Marcello Mazzuca è nato ad Udine  il 16/11/1953 . È laureato in Scienze Politiche e consulente giuridico delle forze armate, Mazzuca ha frequentato l’Accademia militare di Modena, è stato nominato tenente nel 1977 e da allora ha avuto una brillante carriera nell’arma dei carabinieri. Fino al 1988 ha retto il comando dei carabinieri di Roma Trastevere, Montesacro e Parioli. Dal 2005 al 2007 ha ricoperto l’incarico di capo di stato maggiore del comando interregionale “Culqaber” con sede a Messina, poi fino al 2010 il comando della Legione carabinieri Calabria. Prima dell’attuale incarico a consigliere militare e addetto per la difesa presso la Rappresentanza italiana alle Nazioni Unite , il generale di divisione dei carabinieri Marcello Mazzuca è stato comandante della divisione unità specializzate dei carabinieri. Con decreto in data 2 giugno 2007 è stato insignito dal Capo dello Stato dell’onorificenza di Ufficiale all’Ordine al Merito della Repubblica.

Domenico Crea