Messina, “Nudità. Chiaroscuro permanente” debutta in prima assoluta il 17 aprile

Atto Unico chiude la sua terza edizione con un nuovo spettacolo targato QA-QuasiAnonimaProduzioni

locandina defDomenica 17 aprile debutta a Messina, in prima assoluta, il settimo e ultimo appuntamento della rassegna Atto Unico. Scene di Vita, Vite di Scena: Nudità. Chiaroscuro permanente, prodotto da QA-QuasiAnonimaProduzioni, in scena al Teatro Savio in doppia replica alle 18.00 e alle 21.00.

«Nudità è un titolo volutamente provocatorio che tuttavia – afferma Auretta Sterrantino, regista e drammaturgo della pièce – non racconta della nudità del corpo. Il senso di tutta la messinscena si raccoglie nel muto dialogo tra titolo, Nudità appunto, e sottotitolo Chiaroscuro permanente».

Lo spettacolo nasce da un’indagine sul rapporto tra musica e colore, partendo dallo studio di artisti come il musicista Schönberg e il pittore Kandinskij, di cui quest’anno ricorrono i 150 anni dalla nascita. A sottolineare questa relazione la scenografia firmata da Giulia Drogo e le musiche originali di Vincenzo Quadarella.

In scena Marialaura Ardizzone, Livio Bisignano e Oreste De Pasquale interpretano tre personaggi molto simili eppure molto diversi, accomunati da una forza indomabile che li stringe in un’implacabile ansia di ricerca. I tre si scrutano, si sfidano, si spingono reciprocamente oltre il limite. Vogliono vedere ma non essere visti. Nella penombra che li avvolge, un confronto serrato e senza scampo li condurrà a svelare ogni cosa. E niente sarà più come prima.