A Reggio Calabria il XIII Convegno Nazionale sulla Letteratura

poesiaSi terrà a Reggio Calabria, nella Sala conferenze del Palazzo “Corrado Alvaro”, il Convegno Nazionale sulla Letteratura, organizzato nel mese di aprile, con cadenza annuale, dall’Associazione Culturale Pietre di scarto. Con il tema del tredicesimo convegno, ”Letteratura e follia”, si è voluto richiamare l’attenzione su quel confine sottile che unisce e separa espressione artistica e follia, evidente nella letteratura di tutti i tempi e luoghi, colto nel concreto manifestarsi in autori e personaggi dell’universo letterario, che sono vissuti quasi in bilico, in un equilibrio sempre precario tra realtà e pazzia. Se è vero che “non esiste grande genio senza una dose di follia” (Aristotele) e che “le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia” (Erasmo da Rotterdam), anche i personaggi emergono spesso dal caos della mente che li crea: ne era sicuro Nietzsche quando affermava che “occorre avere un po’ di caos in sé per partorire una stella danzante”. Su quella dose di lucida visionaria follia, su quel po’ di caos necessario per creare e raccontare qualcosa di unico e vivo per sempre, si soffermerà il XIII Convegno di Pietre di scarto a cui darà inizio, giovedì 14 aprile, dopo l’introduzione di Edoardo Lamberti Castronuovo, Silvia Guidi, con la relazione, “-Ciao rediviva-, follia e resurrezione in Alda Merini”, che nel titolo ha inteso richiamare l’espressione affettuosa con cui il grande amico della Poetessa, Giorgio Manganelli, la accolse ad un suo ritorno dal manicomio; la seconda relazione, venerdì 15, sarà di Stas’ Gawronski che, con Una vita in pura perdita, presenterà la figura di Charles de Foucauld e la -follia- del Vangelo, riassunta nel suo motto “espandersi davanti a Dio in pura perdita di sé”;  la relazione conclusiva, sabato 16, alle ore 10, è affidata a tre relatori, don Fabio Bartoli, Sabina Nicolini e Paolo Pegoraro, che discuteranno su “La ragione che pazzia”, famosa espressione di Chesterton, e cercheranno di coinvolgere un gruppo di ragazzi delle scuole superiori di Reggio, che, sotto la guida del critico della Rai, Stas’ Gawronski, hanno letto alcune parti dei racconti di Chesterton, Il poeta e i pazzi. Episodi della vita di Gabriel Gale, di cui è stata pubblicata una nuova traduzione dalla casa editrice Forilinea.

Alle due prime relazioni seguiranno le tavole rotonde alle quali parteciperanno  Nicola Bultrini, Francesco Marchitti e docenti delle scuole di Reggio, che  presenteranno personaggi della letteratura in rapporto con il tema. Moderatore sarà, come nello scorso anno, Saverio Pazzano. Il Convegno avrà alcuni momenti particolarmente significativi: il ricordo di Lorenzo Calogero, giovedì 14, affidato a Francesca Neri e ad interventi del pubblico che potrà proporre poesie del Poeta; gli incontri degli scrittori con gli studenti nelle scuole, nella mattina di venerdì 15; il Dopo Convegno con don Fabio Bartoli e Sabina Nicolini che incontreranno i detenuti della Casa Circondariale di Arghillà, e, presso la Casa della Cultura “P. Crupi”, l’ormai  tradizionale reading di racconti scritti dagli studenti nei laboratori di scrittura creativa, condotti dai soci di Pietre di scarto nelle scuole, allietato dagli intermezzi musicali del cantautore reggino Vincenzo Tripodo. Nell’occasione ai ragazzi sarà consegnata una penna ricordo della giornata insieme all’attestato di partecipazione e a libri donati dalle case editrici Città del sole, SabbiaRossa e Leonida edizioni, dalle librerie Nuova Ave e Paoline, e da Nancy Antonazzo, presidente dell’Associazione culturale Terremoti di carta di Messina. Un manufatto in legno, dono di Linea Grafica Giovanni Gangemi, sarà sorteggiato tra gli intervenuti. L’Associazione Pietre di scarto ringrazia quanti vorranno collaborare per la riuscita del Convegno, non un evento sporadico, come ce ne sono tanti, anche molto più importanti in Italia e nella stessa Reggio, ma tappa di un percorso di ricerca attenta e rigorosa, sistematicamente portata avanti di anno in anno con consequenzialità e  coerente sviluppo, e documentata dagli Atti puntualmente pubblicati: a breve saranno disponibili quelli del precedente convegno per i tipi di Città del sole. Per l’alto spessore culturale e il particolare valore educativo l’annuale Convegno sulla Letteratura di Reggio Calabria può essere considerato un prezioso strumento di studio e di ricerca: il CIDI, Centro di iniziativa democratica degli insegnanti, soggetto qualificato per la formazione del personale scolastico, lo ha inserito nella programmazione annuale, tra le attività finalizzate all’aggiornamento dei docenti. Ai docenti e agli studenti che avranno partecipato sarà consegnato l’attestato di frequenza.