Reggina, che tristezza: per la nuova società il “derby” dei ragazzini come una finale di Champions [VIDEO]

Reggina, ieri alla Pinetina la partita degli Allievi (torneo Under 17) tra le due società amaranto: decide un rigore al 90° e la nuova società pubblica il video su facebook

Colica Reggina

Che la situazione del calcio reggino fosse precipitata in un abisso lo raccontiamo da tempo. Da molti mesi, ormai, dopo i tristi fatti della scorsa estate: l’ultimo ricordo positivo rimane l’impresa del San Filippo lo scorso 30 maggio. Una delle più grandi gioie della storia ultracentenaria della Reggina, che però oggi ci sembra lontana anni luce.
Non pensavamo, però, che il fondo si toccasse ieri sera in una partita tra ragazzini e nel suo turbolento seguito su facebook.

Categoria Allievi. Significa Under 17. Alla Pinetina si affrontano i ragazzi della Reggina Calcio e quelli della nuova Reggina, la SSD Reggio Calabria Srl già ASD Reggio Calabria. Chiamatela un po’ come volete. In campo 22 ragazzini tutti “made in Sant’Agata”.

La Reggina Calcio ha dovuto ricostruire la squadra da zero dopo lo “svincolo” dei calciatori dello scorso luglio, la SSD Reggio Calabria Srl invece ha tesserato gran parte dei ragazzini che negli anni scorsi s’erano formati nel centro sportivo della Reggina Calcio. Molti stanno disputando un’ottima Juniores guidati da mister Zito, anche lui allenatore della Reggina protagonista l’anno scorso della straordinaria avventura di Chianciano che ha portato gli amaranto a laurearsi vice campioni d’Italia di categoria. Altri giocano appunto negli Allievi della nuova società, e stanno dominando il campionato. A due giornate dal termine, infatti, sono primi in classifica a +5 sulla seconda con una sola sconfitta rimediata nelle 20 partite già disputate. Dopotutto la scuola Reggina di “Casa Sant’Agata” non si smentisce mai. E’ l’ennesimo attestato d’orgoglio per il glorioso settore giovanile amaranto.

Che intanto non si smentisce neanche quest’anno: nonostante il “reset” e l’obbligo di ripartire da zero, la Reggina Calcio sta ben figurando in questa stagione. I ragazzi stanno comunque lottando per accedere ai playoff nonostante abbiano iniziato da zero e adesso siano costretti fuori dal Sant’Agata. Hanno dimostrato il loro valore anche ieri sera, tenendo testa alla capolista come quasi nessuno era riuscito in questa stagione, grazie ai progressi maturati negli ultimi mesi di allenamenti con gli istruttori qualificati del Sant’Agata.

Ieri sera la partita tra i ragazzini dei due club. Dovrebbero soltanto divertirsi. C’è invece chi vive il momento come occasione di chissà quale rivalsa, come partita della vita. C’è chi parla di “derby“, di “stracittadina“. Raccapricciante. Ci sono testate che si mobilitano per seguire la sfida del secolo. Ma questa partita di “derby” non ha nulla, si tratta di ragazzini Under 17, che giocano in una categoria giovanile in cui ci sono da sempre numerose squadre reggine e mai nessuno ha parlato di “derby”. Anche quest’anno nel girone di Reggina Calcio e SSD Reggio Calabria ci sono anche Reggio 2000, Reggio Mediterranea, Gallico Catona, Bocale Calcio. Sei squadre con sede nel comune di Reggio Calabria. Tranne la SSD Reggio Calabria, tutte le altre c’erano anche negli anni scorsi eppure nessuno parlava di ”derby” o di “stracittadina” quando la Reggina affrontava il Reggio Mediterranea o il Reggio 2000. Giustamente.

danilo colicaMa torniamo alla partita: risultato bloccato sul 3-3, al 90° l’arbitro fischia un rigore per la SSD Reggio Calabria Srl. Sul dischetto va Danilo Colica, un ragazzino (classe ’99) tra i più promettenti del panorama calcistico reggino. Calcisticamente è nato e si è formato proprio al Centro Sportivo Sant’Agata tanto che su facebook nelle sue “info” si legge ancora oggi “Centrocampista presso Reggina Calcio“, e nel suo profilo ci si perde tra centinaia di foto e stati con immagini della Reggina Calcio e del Centro Sportivo Sant’Agata, in gran parte attestati d’amore per la società che gli ha dato l’opportunità di coltivare un sogno lanciandolo verso il calcio professionistico. E’ uno in gamba Colica: l’anno scorso mister Tedesco l’ha fatto esordire (e ha giocato molte gare) addirittura con la Berretti in Lega Pro. Se la Reggina Calcio facesse ancora un campionato professionistico, probabilmente oggi sarebbe in prima squadra sulle orme dei vari Salandria, Mazzone ecc. ecc.
Aveva appena 12 anni quando con la Reggina Calcio arrivava al Santiago Bernabeu di Madrid per la “Danone Nations Cup 2011″, in quella che si sta rivelando una nuova importante generazione di talenti sbocciati nel Centro Sportivo che negli ultimi 25 anni ha sfornato campioni in continuazione, e oggi si trova sigillato con l’accusa di essere uno “scempio” che “mette a repentaglio la sicurezza dei ragazzini“. Provate a dirlo ai vari Perrotta, Mesto, Missiroli, Barillà, Viola, Cirillo, Belardi ma anche a Pirlo, Nakamura, Di Michele, Aronica e molti altri calciatori di livello internazionale che in quei campi si sono formati e hanno scritto pagine importanti della loro grande carriera.
Colica RegginaMa torniamo al rigore di ieri sera: Colica calcia con il cucchiaio, segna, si toglie la maglia per esultare, tutta la panchina entra in campo per abbracciarlo. Sugli spalti i tifosi sembrano i più accaniti “Ultras” con tanto di sfottò per gli “avversari” (ma per la Reggina Calcio non c’erano tifosi, ne’ ieri ne’ mai nella storia in queste categorie giovanili). Delirio come se fosse stato un successo in Champions League, anche comprensibile per i ragazzini in campo (che probabilmente avrebbero esultato e festeggiato per una vittoria sofferta e arrivata al 90° anche contro qualsiasi altra squadra), molto meno per … la società! Sì, avete capito bene. La società SSD Reggio Calabria, la nuova Reggina, ha addirittura pubblicato su facebook il video del gol e dell’esultanza con un commento di grande giubilo. “Guardate un po’ cosa s’inventa il nostro tesserato Colica al 90′ sul risultato di 3-3 durante il derby contro la Reggina categoria Allievi Regionali. Da non credere! Strepitoso Colica!!!
In fondo è anche comprensibile: la prima squadra, dopo aver fallito l’obiettivo stagionale, sta rischiando addirittura di finire fuori dai playoff e la società finalmente dopo mesi di ritardi e discussioni, è riuscita a formalizzare una Srl nel cui CdA non figurano tre dei principali soci fondatori. Non si sa neanche se ci si iscriverà alla prossima serie D e, tra i possibili tanto sospirati “nuovi soci“, in una recente intervista il presidente della Palmese Carbone ha spiegato il suo “no” con estrema schiettezza: “Ne avevamo parlato a novembre, mi era stato detto che entro 20 giorni si sarebbe proceduto con la srl. Dopodiché non ho più saputo nulla“. A meno che Carbone non sia impazzito di colpo, l’atteggiamento del club cozza con le dichiarazioni che vorrebbero “aprire” a nuovi soci (evidentemente solo a parole). Perché se davvero c’era qualcuno intenzionato ad investire, bisognava coccolarlo, inseguirlo, corteggiarlo. Non incantarlo e abbandonarlo.
Ma questi non sono problemi. Nonostante il fallimento sportivo già ampiamente acclarato, ne’ il DG Martino ne’ mister Cozza sono minimamente in discussione (persino Siracusa e Cavese hanno esonerato il loro allenatore in stagione, vogliose di raggiungere la promozione in Lega Pro). Ma per la nuova Reggina tutto va bene: persino il passaggio a Srl è stato raccontato come un grande successo, quando in realtà è stato un parto dolorosissimo, con molti mesi di ritardo (rispetto alle intenzioni e alle stesse dichiarazioni del club). L’importante è che i ragazzini abbiano vinto la partita contro la Reggina Calcio, una partita che per la nuova società è un “derby” (ma quindi anche quelli con Reggio 2000, Reggio Mediterranea, Bocale, Gallico Catona ecc. ecc. sono “derby”?), anzi evidentemente è la partita della vita, vinta grazie ad un cucchiaio “strepitoso” di un “nostro tesserato” nato e cresciuto proprio al Sant’Agata nella Reggina Calcio. Prendiamo sciarpe e bandiere, signori. Altro che 30 maggio, 30 aprile o 13 giugno. Scendiamo sul Lungomare a festeggiare.
Che tristezza. 

Guardate un po’ cosa s’inventa il nostro tesserato Colica al 90′ sul risultato di 3-3 durante il derby contro la Reggina categoria Allievi Regionali. Da non credere! Strepitoso Colica!!!

Pubblicato da SSD Reggio Calabria SRL su Sabato 12 marzo 2016