Rissa per la ricetta della “vera” pizza, arrestato chef italiano che aveva minacciato un collega con un coltello

Un 21enne cuoco italiano è stata condannato a 4 mesi di carcere per aver minacciato un collaboratore con un coltello a causa della ricetta sulla pizza

PizzaioloC’è chi candida la pizza a patrimonio dell’umanità e chi, pur di difenderla, minaccia di morte un collega. E’ quanto accaduto in Australia, a Darwin, dove il 21enne cuoco italiano Francesco Cristoforo è stata condannato venerdì scorso a 4 mesi di carcere per aver minacciato un collaboratore con un coltello al grido di “stanotte ti ammazzo”. Teatro della vicenda, la pizzeria ‘Super Pizza’ in località Funny Bay nella quale il giovane, in Australia con un visto temporaneo, lavora insieme alla fidanzata. La reazione furibonda di Cristoforo, riporta il Daily Mail, sarebbe stata scatenata da un’animata discussione sul modo migliore di preparare una pizza. A poco è valsa la difesa dell’avvocato dell’uomo che davanti alla corte aveva sottolineato come Cristoforo non avesse avuto problemi con la legge né in Australia né in Europa, definendolo inoltre “un cuoco appassionato che ha a cuore l’arte della pizza“. Comminando al 21enne 4 mesi di carcere, il giudice Greg Smith ha voluto infatti ricordare a Colombo che “la passione a volte è una buona cosa, ma difenderla con un coltello è fuori luogo. Speriamo che questa sentenza le sia da lezione”.