Reggina, Cirillo lascia il calcio: grazie Bruno… grazie cuore amaranto

Il difensore Bruno Cirillo ha deciso di appendere le scarpette al chiodo, tante esperienze per un calciatore che ha rappresentato una “bandiera” per i tifosi della Reggina

cirillo reggina applausi“Carissimi amici, Ogni ragazzino che gioca a pallone , ha un sogno, arrivare nel calcio che conta e magari diventando famoso. Purtroppo pochissimi sono quelli che ci riescono. Io invece, sono uno tra quelli fortunati, che sono riuscito a fare del Calcio non solo la mia grande passione ma anche la mia professione. Il calcio mi ha dato moltissimo, mi ha fatto conoscere tantissima gente e fare tante nuove amicizie. Mai avrei pensato che un giorno avrei vestito la gloriosa maglia dell’Inter , di giocare la Champions League con una squadra di un altro paese come l’AEK Atene ,di giocare l’Europa League con il Paok di Salonicco di giocare in paesi importanti come Spagna, Francia e Grecia o nei campionati meno conosciuti come India e Cipro”

LaPresse/Cafaro Gerardo

LaPresse/Cafaro Gerardo

“Calcare gli stadi più belli ed importanti del mondo, vincere un Campionato Europeo under 21 vestendo la maglia Azzurra. Grazie al calcio ho coronato il sogno di ogni uomo, mettere su famiglia. Mi ha fatto conoscere mia moglie con la quale abbiamo costruito una splendida famiglia . Purtroppo gli anni passano, ed arriva il momento, che nella tua mente speri non arrivi mai, quello di smettere. Ho voluto chiudere la mia carriera, giocando l’ultimo anno nella società che mi ha lanciato nel calcio che conta, la Reggina, che assieme ai tifosi, terrò sempre stretta nel mio cuore. Oggi è un giorno tristissimo, che devo ancora metabolizzare, in quanto ho deciso che dopo oltre 20 anni di carriera di chiudere con l’attività di calciatore”.

LaPresse/Cafaro Gerardo

LaPresse/Cafaro Gerardo

“Lascio il calcio giocato ma spero di rimanere comunque in questo mondo che sento mio e che mi affascina ancora moltissimo. Nel salutare tutti i miei tifosi e amici, volevo ringraziare tutti coloro che lungo tutti questi anni mi sono stati particolarmente vicini. In primo luogo la mia famiglia , con i miei genitori in testa ed i miei fratelli . Un pensiero speciale va a mio Padre, che da la sù, sono sicuro che mi guiderà anche nelle scelte future. A quei amici che mi sono stati sempre accanto e mi hanno sostenuto e consigliato. Un grazie a tutte le società per le quali ho giocato , ai loro dirigenti, dai dottori , ai fisioterapisti,ai massaggiatori, ai preparatori fino ai magazzinieri” .

cirillo reggina applausi“Un grazie particolare va a tutti gli allenatori ed ai loro secondi. In questo giorno particolare voglio portare con me tutti i momenti ed i ricordi più belli e positivi, lasciando alle spalle quelli brutti e negativi, perché il calcio è divertimento, il calcio è bello. Un grosso abbraccio a tutti voi ed ….. a presto Bruno Cirillo Reggina, Tricase, Inter, Lecce, Siena, Aek Atene,  Levante,  Paok Salinicco, Alki Larnaca , Metz , Pune City …… Grazie di cuore a tutti voi ……”. Con questa lettera pubblicata sul suo profilo Facebook il calciatore Bruno Cirillo ha comunicato la decisioni di smettere con il calcio giocato, al termine di una carriera che l’ha visto protagonista in diverse piazze.

reggina foti belardi cirillo (3)Cirillo ha lasciato un ottimo ricordo in tutte le piazze in cui ha militato, i tifosi non possono non amare un calciatore che ogni match lo affronta sempre al massimo, il punto di forza di Bruno Cirillo è stato da sempre il cuore.  Il calciatore rappresenta una vera “bandiera” per il tifosi della Reggina, i supporter amaranto chiedono ai calciatori di “onorare la maglia”, Cirillo l’ha sempre fattoIndimenticabile il gol all’Olimpico contro la Roma, quella corsa pazza sotto la curva giallorossa, le lacrime e quel successo storico ancora impresso nella mente di tutti i tifosi della Reggina. La vittoria contro l’Empoli in quel vero e proprio spareggio per la salvezza in Serie A, il boato al gol di Barreto, lo scatto di Cirillo verso la Curva Sud, l’emozione, le lacrime.

cirillo regginaCirillo ha chiuso la carriera da calciatore nella città che l’ha lanciato nel calcio che conta, un campionato di Lega Pro che sembrava stregato, la paura di retrocedere, fino all’epilogo da sempre sognato dai tifosi amaranto. La doppia vittoria nello spareggio contro il Messina che vale la salvezza in Lega Pro, non in Serie A, ma che forse vale ancora di più. Nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla Reggina, nessuno tranne Bruno Cirillo (insieme ad Aronica e Belardi) che ha deciso di tentare il miracolo tra mille difficoltà, solo per amore della maglia e della città. E’ per questo che i tifosi della Reggina ti saranno sempre grato, GRAZIE BRUNO, GRAZIE PER IL TUO CUORE AMARANTO.