Messina, liberati gli ultras arrestati dopo gli scontri nel derby

Il processo va avanti, ma il Gip ha revocato i domiciliari a loro carico

Tribunale-di-MessinaI tifosi dell’ACR fermati lo scorso luglio per gli episodi di violenza durante il derby dello Stretto sono tornati in libertà: la revoca dei domiciliari, decisa dal Gip Monica Marino, ha riguardato Carmelo Delia, Giuseppe Occhino, Antonino Guglielmino, Giuseppe Azzarello e Massimiliano Vernuccio. I cinque restano comunque iscritti nel registro degli indagati, insieme a Tyron De Francesco, Massimiliano Turrisi, Giuseppe Costa, Giovanni Raffa, Marcello Nicolosi, Marcello Papandrea, Marcello La Camera, Giovanni Paratore, Marco Antonelli, Giuseppe Bitto, Maurizio Castriciano, Nino Damiano Casablanca, Marco Antonelli, Benito Mangraviti, Marco Peschiera, Davide Cantello e Sergio Di Giacomo. L’accusa, per tutti loro, è di violenza, minacce, resistenze e lesioni personali a pubblico ufficiale, con danneggiamenti ed invasioni di campo.