Catanzaro, “tifo violento”: sorveglianza speciale per i capi ultras più estremisti

catanzaro02Azioni dure contro il tifo violento. Il Tribunale di Catanzaro ha accolto la richiesta del Questore di applicare la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza nei confronti di due tifosi del gruppo estremista ”Ultras Catanzaro 73”, già noti alle forze dell’ordine per aver partecipato ad episodi di violenza verso le tifoserie avversarie e di intolleranza verso le forze dell’ordine impegnate nelle operazioni di contenimento di incidenti in occasione di eventi sportivi. Uno dei due destinatari è A. A., di 34 anni, capo carismatico e militante nell’estrema destra politica del capoluogo, mentre L. V. di 25 anni ha sin da giovane, riferiscono gli investigatori, mostrato una certa indole violenta. Entrambi sono stati in passato destinatari del divieto di partecipare a manifestazioni sportiva (Daspo) e questa volta, oltre alla misura della sorveglianza speciale, hanno ricevuto anche l’aggravamento dell’obbligo di soggiorno per diciotto mesi.