Reggina, si complica tutto: défaillance dell’ultima ora, adesso si fa durissima

Reggina, continua la disperata corsa all’iscrizione: a 4 ore dal gong finale c’è un imprevisto che complica tutto

reggina logoLa Reggina non è mai stata così vicina al fallimento: il rischio di non farcela a completare l’iscrizione per il prossimo campionato di Lega Pro è ormai molto concreto. La situazione è precipitata nel primo pomeriggio: a fronte dei passi avanti fatti in mattinata, quando era tornato un po’ di ottimismo e si riteneva tutta la situazione ormai vicina alla soluzione definitiva, improvvisamente si è complicato tutto per un’imprevista défaillance. Uno degli operatori che si erano dichiarati disponibili e che facevano parte del gruppo che si è impegnato in queste settimane per salvare il club, si è clamorosamente tirato indietro proprio nel momento decisivo.

mimmo praticò (1)Adesso tutto si complica, all’ottimismo di stamattina si sostituisce nuovamente il pessimismo. Il lavoro estenuante di Foti e Praticò per garantire un futuro alla squadra rischia di non dare un risultato positivo soltanto per pochi spiccioli, in una città che per la sua massima espressione sportiva avrebbe comunque potuto fare molto di più (a prescindere da come andrà a finire). Per il verdetto definitivo ormai bisogna attendere più o meno un’ora. Per la Reggina adesso serve un miracolo, bisogna recuperare questa défaillance altrimenti il nome del glorioso club amaranto farà parte della lunga lista delle squadre fallite nell’estate 2015 (lo ricordiamo, si tratta di Grosseto, Barletta, Monza, Castiglione, Venezia, Varese, Real Vicenza. Stanno invece ancora disperatamente combattendo in extremis, come la Reggina, anche  Martina Franca, Lupa Castelli Romani e Ischia Isolaverde).