Regione Calabria: inaugurato lo “spazio espositivo” all’Expo 2015

Il Dirigente generale del Dipartimento “Turismo” Pasquale Anastasi – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta- ha inaugurato, all’expo 2015, lo “spazio espositivo-dal sapere al fare”, che resterà aperto fino al 2 luglio

expo 2015 la calabria con il suo governatore - 7Il Dirigente generale del Dipartimento “Turismo” Pasquale Anastasi – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta-  ha inaugurato, all’expo 2015, lo  “spazio espositivo-dal sapere al fare”, che resterà aperto fino al due luglio. I visitatori hanno potuto apprezzare le opere in argento ed oro del maestro orafo Miche Affidato che ha illustrato le tematiche proposte attraverso i diversi gioiellidi. Subito dopo è seguito un incontro con lo scrittore Francesco Bevilacqua su “viaggi e paesaggi”. Il Dirigente generale Anastasi, nel presentare il noto scrittore, ha fatto il punto sullo stato del turismo in Calabria, indicando anche alcune vie per rilanciare l’importante settore con un forte riferimento alla carenza di infrastrutture, rispetto ad altre regioni “che hanno investito in questo settore tanti anni fa”. Anastasi poi, parlando di turismo invernale, ha sottolineando il fatto che la Calabria sia l’unica regione dove è possibile, in aspromonte, sciare guardando il mare, le isole Eolie. “Una ricchezza, questa, che non siamo riusciti – ha detto- a veicolare ancora molto bene”.

Lo scrittore Bevilacqua ha parlato della sua esperienza, prima di mandare in onda il documentario da lui realizzato, seguendo il percorso già fatto da Norman Douglas, il visitatore inglese che, per primo,  a piedi, attraversò la nostra terra, raccogliendo sensazioni, testimonianze e bellezze che poi raccontò in un libro. “Sono un montanaro ed un camminatore – ha detto Bevilacqua  – che trentacinque anni fa ha deciso di lavorare come avvocato in Calabria. Allora mi chiesi perchè lo facevo e, quindi, pensai che dovevo darmi una ragione. Quella ragione la trovai nel desiderio di conoscere e cominciai anch’io a camminare. Sono convinto che il paesaggio calabrese è il bene piú prezioso bene che è rimasto alla Calabria. Non abbiamo grandi testimonianze ma abbiamo con noi i viaggi ed i paesaggi Calabresi. Per noi paesaggio vuol dire un insieme di paesaggi e  cultura. Da qui è nata l’idea di dare al filmato, sintesi del mio viaggio, il titolo “sentieri meridiani”. Quindi si è passati alla proiezione del redazionale molto apprezzato dai presenti”.