Uccise rivale in amore, ergastolo a 20enne messinese

La Corte d’assise di Messina ha condannato all’ergastolo Sebastian Oriti,  accusato dell’omicidio di Andrea Bruno, un meccanico ventiquattrenne ucciso a coltellate

aprire porte del carcereLa Corte d’assise di Messina ha condannato all’ergastolo Sebastian Oriti, un giovane di Rocca di Capri Leone accusato dell’omicidio di Andrea Bruno, un meccanico ventiquattrenne ucciso a coltellate nel 2013. I giudici hanno riconosciuto la premeditazione ma non hanno applicato l’aggravante dei futili motivi. Il pubblico ministero Rosanna Casabona aveva chiesto il carcere a vita. La sentenza prevede un risarcimento per le parti civili. Il delitto si verificò  l’11 febbraio 2013 a Rocca di Capri Leone. I due ventenni da tempo avevano rapporti tesi per via di una ragazza contesa e il giorno prima tra loro c’era stato un alterco. Oriti all’indomani attese Bruno sotto casa e lo colpi’ con diverse coltellate appena usci’. Trasportato in ospedale, il meccanico mori’ per le gravi lesioni intere. Oriti fu arrestato poco dopo dai carabinieri nella sua abitazione.