Reggina, in arrivo un altro -6 per il caso Kovácsik. L’avvocato Panuccio: “a Foti consiglio di lasciare per la sua salute”

Reggina, un guaio tira l’altro: sul sito ufficiale del Ferencvárosi, il club da cui gli amaranto nel 2007 hanno acquistato Kovácsik, l’annuncio di altri 6 punti di penalizzazione in arrivo per gli amaranto

regginaLa penalizzazione della Reggina in classifica rischia di diventare di 22 punti: all’attuale -16, infatti, potrebbe aggiungersi un altro -6 per la storica vicenda di Kovácsik e la lunga vertenza, iniziata otto anni fa, con il glorioso club ungherese Ferencvárosi, che a gennaio aveva lanciato un ultimatum di 60 giorni. Di giorni ne sono passati quasi 100, gli ungheresi sono andati fino in fondo e secondo un comunicato apparso oggi sul loro sito internet la FIFA avrebbe “ordinato” alla FIGC i 6 punti di penalizzazione alla Reggina. La società non ha ricevuto ancora alcuna notifica, si aspettano quindi le decisioni che assumerà la FIGC anche se ovviamente in queste situazioni, dopo un pronunciamento del massimo organo sportivo calcistico mondiale, non c’è altro da fare se non eseguire.

Intanto l’avvocato Giuseppe Panuccio, legale degli amaranto, ha formalizzato il ricorso contro la sentenza di ieri del Tribunale Nazionale Federale che ha inflitto i 12 punti di penalizzazione alla Reggina. “Ci siamo confrontati con il Presidente Foti – dichiara ai microfoni di StrettoWeb – e abbiamo individuato la strada da seguire, lui dall’Australia mi ha chiesto di preparare subito il ricorso, io sono pronto a fare la guerra“.

Come procedono le trattative con i soggetti interessati alla Reggina in Australia?

Non lo so perché ci siamo sentiti soltanto in occasione della sentenza del Tribunale Nazionale Federale e abbiamo parlato solo di quello. Io, per quello che sto vedendo, posso solo consigliare a Lillo Foti di passare il testimone, e lo dico perché gli voglio bene, solo ed esclusivamente per tutelare la sua salute. Solo per questo. Poi ovviamente sarà lui a decidere. E’ uno che è abituato da sempre a combattere contro tutto e tutti“.3