Aeroporto dello Stretto? No grazie: Messina pronta a uscire

Al Tribunale di Catanzaro la Provincia Regionale di Messina si muove contro i decreti ingiuntivi emessi su ricorso della Sogas

aeroporto-dello-strettoL’Aeroporto dello Stretto? Messina se ne chiama fuori. Può sembrare un riassunto forse brutale, però spesso nelle sintesi efficaci si registrano delle grandi verità, di là dal teatrino della politica. Sì, perché la Provincia Regionale di Messina, non manifestando più alcun interesse verso l’infrastruttura di Reggio, ha deciso di disimpegnarsi dal futuro della stessa, quindi di opporsi ai decreti ingiuntivi emessi su ricorso della Sogas, per tutelare il patrimonio di Palazzo dei Leoni.

L’Ente, infatti, pur avendo comunicato la propria fuoriuscita nel recente passato, si è visto recapitare una richiesta economica per un importo vicino ai 430mila euro: fondi utili, in teoria, per ripianare le perdite d’esercizio della società di gestione. A tale somma si aggiungono circa 900mila euro e rotti di arretrati, per un prestito obbligazionario risalente a tre anni fa. Il commissario Filippo Romano, dopo i cosiddetti “saldi fuoristagione“, è tornato sui suoi passi, ricorrendo presso il Tribunale di Catanzaro e invertendo la rotta nei confronti dell’aeroporto reggino.