Traffico di droga tra Marocco e Sudamerica: coinvolti clan del Napoletano, sequestri in Calabria

cocaina puraImportavano hashish dal Marocco e cocaina dal Sudamerica. Poi, attraverso la Spagna, il Belgio, facevano arrivare la droga in Italia. È così che agivano i due gruppi sgominati oggi da una operazione dei carabinieri: 32 le persone nei confronti delle quali sono state eseguite ordinanze di custodia cautelare; 9 notificate a persone già in carcere. I gruppi avevano rispettivamente la base in due comuni del Napoletano, Cardito e Villaricca. Il gruppo di Villaricca, secondo quanto accertato dalle indagini della Dda di Napoli, è legato al clan Ferrara: documentata una importazione di 157kg di hashish dal Marocco effettuata da affiliati di spicco del clan Ferrara, Vittorio Maglione, detto “nas stuort”, arrestato nel 2013, e Claudio Miraglia.

Numerosi collaboratori di giustizia li hanno indicati come responsabili del traffico di droga. Maglione e Miraglia assegnavano ad altri loro referenti di zona ogni responsabilità nel rapporto con gli acquirenti; i referenti a loro volta garantivano appoggio logistico agendo, dopo l’avvio delle trattative e gli accordi di massima, in loro vece. La struttura dell’organizzazione e il metodo di distribuzione, oltre a garantire una sostanziale impermeabilità alle indagini, essendo controllato da un numero ristrettissimo di persone, rappresentava anche una sorta di “testa di ponte”, per la conquista di ulteriori settori del mercato della droga in continua espansione.

Numerosi i sequestri effettuati anche in Calabria: i soggetti criminali, già arrestati durante le indagini, si ponevano come acquirenti all’ingrosso di ingenti quantità di hashish evidenziando il ruolo fondamentale della camorra napoletana. L’altro gruppo, di minore spessore e comunque legato ai Ferrara-Cacciapuoti a sua volta era collegato ad una cellula criminale operante in Belgio.