fbpx

Reggio Calabria si candida a “Capitale Europea della Cultura” per il 2019

porto di reggio calabriaIl progetto di candidare Reggio Calabria a Capitale Europea della Cultura per il 2019, un’idea nata su imput del Prefetto della Provincia di Reggio Calabria Vittorio Piscitelli, (non nuovo a sollecitare e proporre iniziative di grande spessore culturale ed economico volte a valorizzare il territorio dell’intera Provincia), che ha costituito a tale scopo uno specifico comitato scientifico presieduto dal reggino prof. Francesco Adornato, Preside della Facoltà Scienze politiche dell’ Università Macerata, è divenuto nel corso dei mesi sempre più concreto, grazie anche all’adesione del Comune, della Provincia e della Regione Calabria, al punto che di recente l’Assessore Provinciale alla Cultura, Lamberti-Castronuovo, nel corso di un programma televisivo, ha dato l’annunzio della presentazione formale della candidatura. Anche se la concorrenza da parte italiana sarà agguerrita (hanno finora presentato la propria candidatura Matera, Palermo, Siena, Perugia, Venezia, Ravenna,Torino ed altre importanti città italiane) e la battaglia sarà combattuta sul filo delle idee e dei buoni progetti, si può ben dire –ha dichiarato Tito Tropea, Presidente della Sezione Giovanile dell’Associazione Anassilaos, che, qualunque sarà il risultato finale della scelta, che spetterà ad uno speciale comitato dell’Unione Europea, si tratta di una iniziativa importantissima, frutto di una sinergia tra enti e istituzioni non comune nella nostra realtà, che contribuirà a dare alla opinione pubblica italiana ed europea, una immagine della nostra Reggio molto diversa dagli stereotipi e dai giudizi sommari (vedi da ultimo quello di Daverio). Si vedrà dunque una città, una provincia e una regione coese al fine di pervenire all’obiettivo comune, una Reggio ricca di una progettualità culturale a artistica capace di valorizzare la propria storia mediterranea ed europea tessuta di eventi piccoli e grandi. Una iniziativa – rileva inoltre il Presidente di Anassilaos Giovani – che non mancherà di ricadute significative sul territorio se solo si pensa alle miglia di visitatori che in questo 2013 visitano Marsiglia e la Provenza e i cui effetti, come già avvenuto in altre capitali della cultura del passato, dovranno essere duraturi e non effimeri per assicurare anche ai giovani la possibilità di guardare al futuro e la capacità di creare e inventarsi un lavoro con la cultura. E allora- scrive Troepa- diamoci da fare tutti insieme, Istituzioni, Enti, Associazioni, cittadini e impegniamoci a dare il nostro contributo, piccolo o grande che sia. Stringiamoci intorno a tale iniziativa, sosteniamola con tutte le nostre forze. I giovani di Anassilaos aderiscono a tale progetto inserendo nel proprio profilo faceboock uno spazio dedicato a “Reggio Calabria Città Europea della Cultura 2019” nel quale si chiederà di aderire all’iniziativa, offrendo idee e pareri e nello stesso tempo, da qui al – si spera – 2019, offrendo gratuitamente la propria collaborazione per tutte le iniziative che saranno intraprese.