Caltanissetta, incontro tra assessore Borsellino, deputazione regionale e Amministratori locali

imagesQuesta mattina, all’Assessorato Regionale della Sanità, il sindaco di Caltanissetta, Michele Campisi, il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, il sindaco di Enna, Paolo Garofalo e i deputati regionali Gianluca Miccichè, Vincenzo Fontana e Mario Alloro hanno incontrato l’assessore regionale Lucia Borsellino e il dirigente generale, Salvatore Sammartano, per affrontare il problema del taglio del servizio di elisoccorso del Sant’Elia. Presente all’incontro anche il consigliere comunale di Caltanissetta, Felice Dierna.

Dopo avere sentito gli interventi dei Sindaci e dei Deputati, tutti allarmati dalla gravità delle conseguenze che potrebbe avere l’eventuale chiusura del servizio notturno dell’elisoccorso, così come programmato dall’Assessorato regionale per il primo luglio prossimo, e ascoltate le soluzioni avanzate dagli stessi rappresentanti istituzionali dei territori interessati, consistenti nell’utilizzo delle economie di spese dell’Assessorato regionale, nelle more di una più strutturale variazione di bilancio dove inserire le somme necessarie per la copertura dei costi per il mantenimento del servizio H24, l’assessore Borsellino e il dirigente generale Sammartano si sono impegnati a non applicare il provvedimento e a tenere l’elisoccorso attivo anche durante le ore notturne, riconoscendo di fatto l’importanza vitale che tale servizio ha per l’enorme bacino di utenza che va a ricoprire.

Al termine dell’incontro il sindaco Campisi ha espresso grande soddisfazione per il risultato ottenuto. “Si è riusciti a scongiurare la chiusura del servizio notturno dell’elisoccorso del Sant’Elia grazie alla mobilitazione collettiva di tutta la politica, a prescindere dalle ideologie e dalle appartenenze partitiche, dimostrando, tutti quanti, un grande senso di responsabilità che è servito a tutelare la salute dei cittadini. Mi auguro – ha continuato il Sindaco di Caltanissetta – che questa vicenda serva d’esperienza, introducendo, d’ora in avanti, una logica unitaria e condivisa nell’affrontare i tanti problemi che ogni giorno siamo chiamati a dovere risolvere”.