Cinquefrondi, l’amministrazione comunale aderisce al progetto “Insieme”

Cinquefrondi, l'amministrazione comunale aderisce al progetto “Insieme” promosso dal Settore Politiche sociali della Città Metropolitana di Reggio Calabria

StrettoWeb

Un progetto che consente di sviluppare iniziative che possono costituire occasione di svago per le fasce di età più mature ma anche opportunità di aggregazione, oltre che di sostegno all’invecchiamento attivo. Con questo spirito l’Amministrazione Comunale di Cinquefrondi ha aderito al progetto “Insieme” promosso dal Settore Politiche sociali della Città Metropolitana di Reggio Calabria. In questo contesto l’Assessore alla Solidarietà sociale e Terza età Roberta Manfrida ha organizzato un servizio di trasporto giornaliero al mare in pullman per le persone, residenti nel Comune di Cinquefrondi, che abbiano superato il 65° anno di età.

Il servizio, programmato per il periodo dal 29 luglio al 2 agosto, potrà soddisfare le esigenze di una consistente fascia di popolazione che non dispone di mezzi o di autonomia sufficienti per raggiungere le spiagge più vicine e poter usufruire di momenti di svago, legati ad importanti fattori di socializzazione. Le relative istanze, da produrre su apposito modulo predisposto dall’Ufficio Politiche sociali del Comune, potranno essere presentate fino al prossimo 27 luglio.

L’Amministrazione Comunale di Cinquefrondi, anche attraverso questo tipo di iniziative, conferma la precisa volontà di perseguire, tra le sue finalità istituzionali, il miglioramento della qualità della vita delle persone anziane, mediante la realizzazione delle loro potenzialità di benessere fisico, sociale e psichico, permettendone la partecipazione alla vita sociale e offrendo protezione, sicurezza e attività socializzanti. Il progetto si propone, quindi, non come mera prestazione assistenziale ma intende costituire un momento di aiuto e sostegno alla persona.

Per l’Assessora Manfride sono questi i punti qualificanti di un’azione amministrativa che non vuole escludere nessuno, anzi intende aggregare e realizzare ogni possibile occasione di inclusione sociale. In conclusione si tratta di un elemento di civiltà verso categorie deboli che, in questo modo, potranno trascorrere giornate in serenità con l’opportunità di godere di un bagno al mare.

Condividi