Arberia di Calabria, emesso primo certificato di nascita interamente in lingua albanese

Un evento storico, quello accaduto nel borgo arbëreshe di Frascineto: "segno della tutela delle minoranze linguistiche storiche"

StrettoWeb

Il Comune di Frascineto ha rilasciato il primo certificato di nascita interamente in lingua albanese. Un evento storico, che porta la firma del sindaco Angelo Catapano e pone il piccolo borgo alle pendici del Pollino “quale ente capofila arbëreshe d’Italia, ai sensi della legge 482-99, in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”. A comunicarlo è stato il direttore della Biblioteca internazionale “A. Bellusci”, Tommaso Bellusci.

L’atto amministrativo è stato emesso in occasione della presentazione del libro “Maria Markut poetessa popolare di Eianina”. Soddisfatto il Primo Cittadino: “per l’amministrazione comunale di Frascineto si tratta di un evento storico che traccia un percorso da adottare, ora, in tutte le comunità arbëreshe d’Italia. Continua la nostra azione a tutela giuridica di tipo ‘collettivo’ che parte dai Comuni nel riconosce e qualificare una minoranza linguistica come tale”.

“Sin dall’atto del nostro insediamento – ha rimarcato Catapano – abbiamo indirizzato la nostra attività amministrativa a tutela delle tradizioni etno-culturali e, in particolare, della lingua, in modo da tramandarla alle giovani generazioni. Così come, molte opere letterarie date alle stampe, sono state pubblicate anche in lingua arbëreshe”.

Condividi