Villa San Giovanni: la scuola di Acciarello riapre con il campetto riqualificato

La maggioranza del gruppo consiliare “Città in Movimento" intende, infatti, sistemare (anche con piccole economie) tutti gli spazi esterni degli edifici scolastici

StrettoWeb

La scuola di Acciarello riaprirà i battenti con il campetto riqualificato a disposizione, in questi giorni di primavera ormai alle porte, dei piccoli discenti. Un risultato ottenuto con una minima spesa, risparmio di un finanziamento ministeriale, che la giunta con sua delibera ha deciso di destinare alla sistemazione di uno spazio vitale per la scuola primaria“. Così in una nota il sindaco di Villa San Giovanni, la giunta e il gruppo consiliare “Città in Movimento“.

La maggioranza del gruppo consiliare “Città in Movimento” intende, infatti, sistemare (anche con piccole economie) tutti gli spazi esterni degli edifici scolastici, pensando anche in grande per come si è inteso fare con l’approvazione del DIP (documento di indirizzo alla progettazione) approvato per i campetti di Cannitello e il lavoro documentale fatto in tutti questi mesi sul campetto e sulla palestrina della primaria Giovanni XXIII”, prosegue la nota.

Al rientro da queste festività pasquali tutti i plessi saranno interessati dalla pulizia degli spazi esterni proprio per consentire agli alunni la loro piena fruizione in sicurezza – si legge ancora –. Nella prospettiva che, grazie ai patti di collaborazione con i cittadini e le associazioni, quelle aree possano diventare spazi di socialità per i quartieri nelle ore residue dall’utilizzo scolastico. Siamo convinti che sono le piccole azioni a cambiare il volto della nostra Città e che rendere tutti gli spazi idonei all’utilizzo possa incentivare i villesi a prendersene cura come fosse casa loro.

Dai grandi temi (aree portuali e ponte, su cui ci siamo resi disponibili all’ascolto recependo scritti dei cittadini) ai piccoli interventi, il metodo deve essere quello dell’amministrazione condivisa: un cambio di passo cui la Città dovrà abituarsi per diventare quella Comunità protagonista che tutti insieme stiamo cercando di costruire“, conclude.

Condividi