Bergamotto di Reggio Calabria, il Pd di Brancaleone: “ritiro del riconoscimento IGP gravissimo tradimento della Regione”

"IGP mette in pericolo l’autenticità del prodotto a fronte di tentativi di falsificazione e rallenta la sua promozione nei mercati nazionali"

StrettoWeb

“Quello che ha appena compiuto la Regione Calabria è un tradimento inaccettabile. Il Presidente Occhiuto ancora una volta si dimostra contro lo sviluppo della propria Regione. Il ritiro del parere favorevo le al riconoscimento del marchio “ Bergamotto di Reggio Calabria” IGP mette in pericolo l’autenticità del prodotto a fronte di tentativi di falsificazione e rallenta la sua promozione nei mercati nazionali e internazionali, penalizzando di conseguenza le aziende che lo producono . È necessario, affinché il bergamotto possa essere protetto, che vengano riconosciuti a esso standard di produzione e di qualità Per questo è fondamentale una forte mobilitazione per spronare la Giunta Regionale a fare dietro front sulla propria scellerata decisione. Lo afferma in una nota il segretario di Circolo del Pd di Brancaleone, Niccolò Alessi.

“Attendere ulteriori anni per l’unificazione con la DOP , istituita solamente a tutela dell’essenza di questo nostro oro verde farebbe perdere ulteriore tempo al l’istituzione necessaria di una tutela nei confronti di un prodotto che ad oggi rappresenta uno degli elementi fondamentali d ell’economia non solo Brancaleonese , ma di tutta l’ area grecanica. Il Partito Democratico di Brancaleone si sch iera apertamente dalla parte degli agricoltori in protesta e si dichiara pronto a favorire una mobilitazione collettiva affinché si possa reclamare il diritto sacrosanto non solo ad essere tutelati, ma a poter avere finalmente un serio sviluppo economico”.

Condividi