Reggio Calabria, minicar importati come “scooter per invalidi”: scoperta maxi truffa

Reggio Calabria, i prodotti d'importazione venivano fraudolentemente spacciati come scooter elettrici per invalidi in modo da poter beneficiare delle aliquote ridotte

StrettoWeb

Venivano dichiarati come “scooter elettrici per invalidi”, usufruendo così delle agevolazioni su Iva e dazi doganali previste dalla legge, ma in realtà si trattava di veicoli a quattro ruote del tipo di normali minicar. Ottantacinque di questi mezzi, stipati all’interno di sei container, per un valore dichiarato di 179.258 euro, sono stati sequestrati a seguito di oggetto di un controllo da parte dei funzionari del Reparto Verifiche e Controlli dell’Ufficio delle Dogane di Gioia Tauro.

I prodotti d’importazione provenienti dalla Cina venivano fraudolentemente spacciati come scooter elettrici per invalidi in modo da poter beneficiare delle aliquote ridotte. I mezzi per invalidi invece necessitano di particolari requisiti tecnici previsti dal quadro normativo di riferimento, ossia essere progettati appositamente per il trasporto di persone con disabilità e presentare elementi ed accessori speciali destinati ad agevolare la mobilità.

Proprio allo scopo di accertare la presenza delle caratteristiche richieste i funzionari hanno eseguito un controllo documentale e, successivamente, la verifica fisica della merce in questione constatando che si trattava di minicar utilizzabili da chiunque. A seguito di questo accertamento l’Ufficio locale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Adm), ha proceduto alla rettifica della dichiarazione d’importazione riclassificando l’intera partita ed applicando per intero il dazio al 10% e l’Iva al 22%, con conseguente recupero dei maggiori diritti accertati e riscossi pari a oltre 54 mila euro. Inoltre, è applicata una sanzione che va da 30 mila euro fino a 10 volte l’importo dei maggiori diritti accertati.

Condividi