L’ultimo saluto di Tropea al Maestro Giuseppe Vitetta

Il sindaco Macrì: "oggi in occasione della sua fine terrena, rinnovo, con animo grato, l’omaggio della Città al cittadino esemplare"

StrettoWeb

La scomparsa del nostro concittadino Giuseppe Vitetta ci rattrista profondamente perché con lui si perde un tropeano buono e sensibile e un pezzetto importante della nostra storia. Conosciuto e apprezzato per la sua pittura, sia a Tropea che in Italia e all’estero, viveva da anni a Certosa di Pavia per stare vicino ad alcuni figli. Ma l’azzurro del suo mare e i tramonti di fuoco tra le Eolie, accanto allo Scoglio dell’Isola, che aveva ammirato per anni dal balcone della sua bella casa sulla rupe, non avevano mai lasciato il suo cuore”.

Peppe non aveva mai dimenticato la sua città natale che fin da bambino, durante i suoi giochi tra i vicoli e le piazzette del centro storico, l’aveva catturato per sempre con la sua impareggiabile bellezza. Indimenticabile, per lui, anche la figura del nostro Beato, Don Francesco Mottola, che aveva frequentato da giovane rimanendo affascinato dalla sua formidabile lezione di carità. Ricordo che nel 2020, in occasione dei suoi 90 anni, gli rivolsi, con piacere ed emozione, gli auguri della Città e miei personali, auguri che il Maestro aveva assai gradito e per i quali aveva voluto ringraziarmi”.

“Li aveva sentiti sinceri e legati al luogo che più d’ogni altro aveva amato: la sua meravigliosa Tropea di cui ripetutamente aveva narrato le vicende più significative perché espressione della sua storia e delle sue tradizioni. Oggi, in occasione della sua fine terrena, rinnovo, con animo grato, l’omaggio della Città al cittadino esemplare che, pur lontano e pur avanti negli anni, non aveva mai smesso di amarla continuando a farsi ambasciatore del suo fascino attraverso i colori e i tratti tipici della sua arte”.

“Siamo certi che anche questa volta Peppe apprezzerà il nostro messaggio di stima e di affetto, perché fatto col cuore, e che continuerà a vivere nel ricordo e nell’ammirazione di tutti quelli che, avendolo conosciuto, non possono non conservarne un piacevole ricordo. Addio Maestro Vitetta, che la nostra Patrona, Vergine Santa di Romania, ti presenti al suo Figlio Divino come un tropeano meritevole di misericordia, sappi che Tropea ti conserverà per sempre nel suo cuore”. Il saluto del Primo Cittadino di Tropea, Giovanni Macrì, all’artista tropeano Vitetta.

Condividi