Trebisacce pensa alle famiglie: bonus locazione e libri di testo

I candidati aventi diritto avranno un contributo fino ad un massimo di 3.100 euro

StrettoWeb

Sostegno alle famiglie in difficoltà, sono stati pubblicati due distinti bandi dal Comune di Trebisacce, destinati uno all’assegnazione del contributo annuale per locazione, l’altro alla fornitura dei libri di testo per l’anno scolastico 2023-2024. Sull’albo pretorio on line accessibile dal portale istituzionale dell’ente (www.comune.trebisacce.cs.it) sono disponibili regolamento e domande per accedere.

Contributi fitti casa

Gli uffici comunali provvederanno a formare una graduatoria di aspiranti al contributo annuale, erogato attraverso un fondo finanziato dalla Regione Calabria, in base ad un serie di criteri che dovranno essere indicati nel form allegato al bando. Per richiedere il sostegno economico bisogna godere, tra gli altri, di cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente all’Unione Europea; essere titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo, essere residenti nel comune di Trebisacce.

E ancora, non essere assegnatari di alloggi popolari o comunali e non avere titolarità, nemmeno parziale, su altri immobili a uso abitativo; avere un patrimonio mobiliare non superiore a 25mila euro e un Indicatore della Situazione Economica (ISE) non superiore a 17mila euro annui. I candidati aventi diritto saranno suddivisi in due fasce: quelli in Fascia A avranno diritto a un contributo fino ad un massimo di 3.100 Euro; quelli in Fascia B, invece, ad un contributo non superiore a 2.325 Euro. Le domande dovranno pervenire entro Martedì 20 Febbraio.

Fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo

Il secondo avviso è destinato alle famiglie degli alunni che frequentano la secondaria di primo grado (scuole medie) ed il biennio delle scuole di istruzione superiore. Gli alunni del triennio, invece, potranno beneficiare della forma di comodato gratuito dei libri. Il modello di domanda è reperibile, oltre che sul portale istituzionale dell’ente, anche all’ufficio pubblica istruzione e nelle segreterie didattiche delle scuole di frequenza.

Possono accedere ai benefici i nuclei familiari che posseggono un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) non superiore a 10.632,94 Euro. Gli importi per l’erogazione del bonus saranno erogati in rapporto alla somma assegnata dal Ministero dell’Interno, dividendole in base al numero di istanze ricevute e nei limiti delle somme disponibili. Qualora i fondi necessari non dovessero consentire il rimborso totale a tutti gli aventi diritto si procederà alla liquidazione in percentuale da stabilire in base alle domande pervenute.

Condividi