Reggio Calabria, l’appello di un cittadino: “Falcomatà si dimetta, andiamo tutti insieme a piazza Italia”

Reggio Calabria, la lettera aperta di un cittadino relativamente alla cattiva gestione del sindaco Giuseppe Falcomatà

StrettoWeb

Un lettore di StrettoWeb, Richichi Roberto, ci ha inviato una lettera aperta relativamente alla gestione del sindaco Giuseppe Falcomatà e delle condizioni della città ormai in totale abbandono. Ecco di seguito il testo:

“Cara redazione vi porgo i miei cari auguri per un felice 2024, e a tutti i miei concittadini. Si l’anno 2024 e iniziato, peggio di come è finito, i nostri cari poltronari continuano a dimostrare che le sorti di una città intera già allo sbando a loro non interessa nulla, il primo di tutti il vero colpevole è il primo cittadino Falcomatà, arrivato al 3 tempo di una sceneggiata senza fine, dimostra quanto per lui sia importante piu di ogni cosa mantenere la poltrona di sindaco, o cercare accordi da ogni dove per avere una continuità politica”.

“Il PD che da anni dimostra un menefreghismo verso gli interessi della città continua a giocare a scacchi cercando di riempire più caselle con personaggi che a questa città non hanno mai dato nulla di buono, scusate ma la cosa che mi fa più rabbia è l’arroganza di questo soggetto (Falcomatà) signor sindaco ma cosa pensa che la città è di sua proprietà??? Che palazzo San Giorgio le appartiene??? Ma un minimo di sussulto di dignità le è rimasta??? No perché se davvero fosse come lei da sempre sostiene che ama Reggio, allora si dimetta subito, dimostri veramente che ha ancora qualche briciola di dignità!!!! Si la dignità che sta togliendo giorno per giorno ad ogni reggino che vede sprofondare questa città nel disagio più totale come non era mai accaduto prima…”

“Concludo con un appello a tutti i cittadini che davvero amano Reggio Calabria…. Andiamo sotto palazzo San Giorgio…. Tutta la città a gridare insieme dimissioni!!!! Riprendiamoci Reggio, riprendiamoci la nostra dignità. A voi poltronari dico!!!! Vergognatevi”.

Condividi