Disse “sei come il letame” a Di Battista, Sgarbi archiviato: “normale diritto di critica politica”

Archiviata l'indagine nata da una querela per diffamazione nei confronti di Vittorio Sgarbi

StrettoWeb

Il gip di Roma ha archiviato l’indagine nata da una querela per diffamazione nei confronti di Vittorio Sgarbi che era stata presentata dall’ex esponente degli M5s, Alessandro Di Battista, in relazione ad una vicenda legata all’arresto, nel novembre del 2020, di Domenico Tallini, esponente di Forza Italia ed e all’epoca dei fatti presidente del consiglio regionale della Calabria.

In un post sul profilo Facebook, Di Battista, parlando della vicenda giudiziaria affermava: “stare lontano dall’immoralità è un dovere morale perché l’immoralità è come il letame“. Parole a cui rispose Sgarbi che rivolgendosi a Di Battista, in un video pubblicato anche sul suo profilo youtube, disse: “da quale pulpito uno dice ‘Forza Italia letame’, voi siete letame“. Il pm di piazzale Clodio aveva sollecitato l’archiviazione del procedimento a cui si è opposto il legale di Di Battista. Nella sua decisione il gip Rosalba Liso afferma che le parole dell’attuale sottosegretario alla Cultura, difeso in giudizio dagli avvocati Gianpaolo Cicconi e Manuel Varesi, rientrano nella “normale, anche se pungente, diritto di critica politica“.

Condividi