A Reggio Calabria lo struggente documentario sui “dimenticati” colpiti dagli effetti avversi del vaccino Covid

Reggio Calabria, il film-denuncia sui vaccini anti-Covid: proiezione presso l’Hotel Excelsior

VIDEO
"Invisibili", le parole dell'avvocato Denise Serena Albano
StrettoWeb

L’Associazione Avvocati Liberi – United Lawyers for Freedom, in collaborazione con il Comitato “Ascoltami” e con “PlayMasterMovie”, ha organizzato un evento per la visione del docufilm “Invisibili” e per il successivo dibattito per discutere insieme ad avvocati e medici sugli eventi avversi causati dalla vaccinazione anti-covid19. L’evento si è svolto presso l’Hotel Excelsior, Sala Scilla, di Reggio Calabria.

All’evento – afferma l’Avvocato Denise Serena Albano, Consigliere dell’Associazione – si è parlato delle denunce che il dipartimento penale della medesima Associazione “Avvocati Liberi” ha depositato in varie Procure della Repubblica e riguardano la campagna vaccinale anti covid-19, ed affrontano le questioni della somministrazione di medicinali imperfetti, ossia che presentano dei difetti nelle fasi di produzione e conservazione, della somministrazione degli stessi in modo difforme dalle prescrizioni mediche, nonché l’enorme incidenza degli effetti avversi emersi e delle morti improvvise a seguito della campagna vaccinale”.

Il Presidente del Centro Margherita, Tiziana Iaria, ha spiegato: “il film racconta e denuncia i drammi e le tragedie delle vittime delle reazioni avverse da vaccino. Invisibili raccoglie le testimonianze di chi ha visto la sua vita cambiare all’improvviso”.

"Invisibili", le parole del Presidente del Centro Margherita Tiziana Iaria
Foto
  • proiezione invisibili Reggio calabria (5)
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • proiezione invisibili Reggio calabria
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • proiezione invisibili Reggio calabria
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • proiezione invisibili Reggio calabria
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • proiezione invisibili Reggio calabria
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/
Condividi