Mascotte Milano-Cortina 2026, Calabria in finale. Princi: “supportiamo i nostri studenti”

Princi: “con orgoglio, ho appreso del successo dei ragazzi dell'Istituto Comprensivo di Taverna, che hanno portato la Calabria in finale del concorso nazionale per la scelta della Mascotte delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026"

StrettoWeb

“Con estremo orgoglio, ho appreso del successo dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Taverna, che hanno portato la Calabria in finale del concorso nazionale per la scelta della Mascotte delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Se n’è parlato anche ieri sera durante la terza serata del Festival di Sanremo. Grandissima la visibilità e tantissimi gli apprezzamenti indirizzati ai nostri studenti. Ma serve fare ancora un altro passo: aggiudicarsi la vittoria nella finalissima. Perciò chiamo a raccolta tutte le scuole di Calabria, anzi tutti i calabresi! Diamo una mano ai nostri ragazzi e accompagniamoli fino al primo posto!”. Il riferimento è al voto telematico popolare e l’appello è del Vicepresidente della Giunta regionale della Calabria, nonché Assessore all’Istruzione ed allo Sport, Giusi Princi, che interviene a supporto della Scuola di Taverna (Catanzaro), sensibilizzando l’opinione pubblica regionale su questa sfida a colpi di Sport & Cultura.

L’Istituto comprensivo calabrese, di cui è dirigente scolastica Susanna Mustari, ha, infatti, scalato le posizioni della sfida nazionale in cui le scuole italiane hanno fatto la loro parte inviando centinaia di proposte per i personaggi di Milano-Cortina 2026. Sono circa 400 le domande di adesione e 1600 le idee progettuali ricevute, 681 sono poi le classi partecipanti e 82 gli istituti autori collettivi degli elaborati grafici. I disegni finalisti sono stati selezionati tra i tantissimi elaborati grafici realizzati dagli studenti delle classi del primo ciclo di tutta Italia, che hanno partecipato al concorso di idee “La scuola per le Mascotte di Milano-Cortina”, iniziativa lanciata dalla Fondazione Milano Cortina 2026 e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, nel segno dei valori Olimpici e Paralimpici.

Arrivati alla finalissima, nella sfida a due Calabria vs Lombardia, la scelta passa ora agli italiani, che con il loro voto telematico potranno dare il loro parere sulle proposte delle due scuole rimaste in gara. Il disegno vincitore sarà una fonte di ispirazione per la scelta della coppia di personaggi, Olimpica e Paralimpica, che diventerà simbolo iconico dei Giochi Invernali di Milano-Cortina 2026.

La scuola di Taverna propone GLI ERMELLINI due fratelli che partono alla volta dei Giochi Invernali con un’idea in testa: gareggiare in tutte le discipline sportive dando il massimo in ogni prova perché le Olimpiadi e Paralimpiadi sono i Giochi di tutti e dunque ci sarà posto anche per due ermellini che non hanno niente da invidiare agli altri sportivi. I due avranno modo di mettere alla prova tutte le loro abilità per superare ostacoli e imprevisti dimostrando un carattere da veri campioni.

“Invito tutti i calabresi ad approfondire la storia dei due ermellini che partono dalla Calabria, basta andare sul sito di Milano-Cortina, dove è possibile esprimere la propria preferenza. Io guardandoli e leggendo la storia dietro la loro immagine ho percepito senso di appartenenza ed entusiasmo; quello stesso entusiasmo che unisce tutti, da Sud a Nord, dalla Calabria fino a Cortina, segno di un’Italia che abbatte gli stereotipi che per troppo tempo ci hanno divisi. Unione e riscatto sono le parole chiave che mi ispirano i nostri due ermellini. Intendo fare un plauso al Dirigente scolastico, ai Docenti e soprattutto agli studenti di Taverna, Istituto che ho avuto modo di visitare e apprezzare personalmente nelle strutture e nelle persone. Un motivo in più per dire a tutti di VOTARE CALABRIA. Mi affido perciò ai tanti calabresi dentro e fuori confine regionale. Scegliamo l’Immagine più bella, nata dalla creatività di quel presente attraverso cui gettare le basi per il futuro”, conclude Princi.

Condividi