Calabresi nel mondo: Leone d’Oro a Gerardo Sacco. Princi: “simbolo di una Calabria pulita”

Calabresi nel mondo: Leone d'Oro a Gerardo Sacco. Princi: "simbolo di una Calabria pulita e intraprendente. L'umiltà la sua più grande dote"

StrettoWeb
Ascolta l'articolo

“È un grande piacere apprendere che il Maestro orafo Gerardo Sacco sia stato insignito del Leone d’oro alla carriera presso il Senato della Repubblica italiana. Questo prestigioso riconoscimento è motivo di orgoglio per tutti i calabresi, per la Calabria in Italia e nel Mondo. Gerardo Sacco è infatti l’emblema per eccellenza di un terra operosa e virtuosa, che sa distinguersi ed emergere nonostante tutte le difficoltà. Con grande caparbietà e determinazione, partendo dal nulla, con le sue uniche forze, accompagnato unicamente dalla creatività e dalla passione, il Maestro è diventato l’artista che attraverso i suoi gioielli ha saputo meglio rappresentare la Calabria, la sua storia, le peculiarità che caratterizzano ogni territorio delle cinque province. Sacco incarna quella Calabria intraprendente e pulita che ognuno di noi ha l’obbligo morale di veicolare, riscattandoci da beceri luoghi comuni che da tempo ormai non ci appartengono più”. È quanto afferma in una nota il Vicepresidente della Giunta regionale della Calabria, Giusi Princi, in merito al premio Leone d’Oro alla carriera con cui il noto orafo crotonese, Gerardo Sacco, è stato insignito a Roma nella sala Zuccari del Senato.

“Conosco da anni Gerardo Sacco – racconta Giusi Princi – e ne ho da sempre apprezzato, oltre alle innegabili capacità artistiche per cui è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, le sue grandi qualità umane: ha sempre sposato le cause pubbliche in cui è stato coinvolto, dalla più celebre alla più sconosciuta, sostenendo con grande generosità tutti i progetti volti a sostenere il sociale, la meritocrazia, la crescita dei giovani. Ed è rimasto sempre umile. Forse è questa la sua più grande dote. Eppure i suoi gioielli sono stati indossati dalle più importanti star del cinema nazionale ed internazionale, i suoi manufatti artistici hanno insignito personalità celebri a livello mondiale, le sue idee hanno arricchito alte cerimonie di Stato così come eventi internazionali dello spettacolo. Tutto ciò – prosegue il Vicepresidente della Regione – non ha mai scalfito la sua umanità e quel suo tipico stare con i piedi per terra. Ha deciso di investire sulla Calabria e in Calabria, portando sempre alta la sua identità e le sue radici. Le aziende a marchio Sacco hanno sostenuto e sostengono l’economia calabrese, garantendo occupazione e originalità. Pertanto – conclude Princi – all’artista, all’uomo umile, generoso e perbene dico grazie, certa di rappresentare i calabresi tutti, per aver raccontato e rappresentato con fierezza l’immagine più bella della Calabria e della sua gente”.

Condividi