Cetaceo spiaggiato a Villa San Giovanni e alveare in pieno centro a Gallico: interventi della L.I.D.A. nel reggino

    /
    StrettoWeb

    Nei giorni scorsi personale delle Guardie Zoofile della L.I.D.A. (Lega Italiana dei Diritti dell’Animale) interveniva a seguito della specifica richiesta pervenuta alla Sezione di Reggio Calabria, poiché personale della Guardia Costiera e della Polizia Locale di Villa San Giovanni, era stato allertato per la presenza sulla battigia di un Cetaceo.
    Le Guardie della L.I.D.A provvedevano ad una messa in sicurezza per evitarne la deriva. Dopo i rilievi sul cetaceo (Globicefalo) effettuato dal Medico Veterinario ASL Dottore Marroni, quanto rinvenuto veniva piantonato fino all’arrivo dalla ditta Pell.& Co. di Reggio Calabria per lo smaltimento. Il Globicefalo globicephala melas, è una delle due specie di cetacei del genere Globicephala, insieme al globicefalo di grey. Fanno parte della famiglia Delphiniade.
    Altro intervento veniva effettuato dalle stesse Guardie Zoofile assieme ai Vigili del Fuoco ed ai veterinari ASL Dottore Bonfiglio e Dottore Carullo, per un alveare in via Quarnaro a Gallico. Nel rispetto delle previsioni normative vigenti si provvedeva alla messa in sicurezza.
    La presenza in ambiente urbano di nidi o sciami di imenotteri costituisce un vero e proprio rischio sanitario e deve essere valutata attentamente, in particolar modo quando questi sono facilmente accessibili o avvicinabili. La loro presenza può causare lesioni ai cittadini, con rischio particolare per i soggetti allergici. Ogni qual volta venga localizzato uno sciame di api o un nido di vespe in ambiente pubblico è necessario che si avvertano le autorità competenti al fine della messa insicurezza dell’area sulla base della valutazione dei rischi per la salute pubblica.
    Le normative vigenti prevedono che attualmente gli sciami delle api vengano recuperati dagli apicoltori, mentre le vespe e i calabroni vengono bonificati sia in ambito privato sia pubblico dai Vigili del Fuoco. Più precisamente i privati dovrebbero richiedere l’intervento di una ditta di disinfestazione, a meno che l’evento non rappresenti una particolare fonte di pericolo. La normativa fornisce indicazioni precise per recupero o distruzione, infatti diverse leggi nazionali e regionali raccomandano, la salvaguardia delle api.
    Per una bonifica rapida ed immediata ove sussistano gravi rischi per la salute pubblica ASL e Vigili del Fuoco attuano le rispettive procedure previste. E’ bene richiedere l’intervento dell’autorità quando sia compromessa la salute pubblica o sia minacciata la funzionalità di un pubblico o ciò avvenga vicino condomini, scuole, ospedali, parchi giochi,stazioni, ecc ecc.
    La L.I.D.A segnala che dall’inizio dell’anno sono stati intensificati anche i controlli per la lotta al randagismo, con diversi interventi effettuati dal Nucleo delle Guardie Zoofile, per verificare altresì se i proprietari dei cani, abbiano effettuato l’iscrizione all’anagrafe canina con collocazione del relativo microchip, sanzionando chi non fosse in regola.
    La Lida opera anche nel settore della Protezione Civile, della difesa ambientale in forza di importanti riconoscimenti del Ministero della Salute e dell’Ambiente, pure per il contrasto a tutte le forme di abusivismo nel settore e viene ricordato per ogni informazione il sito www.Lidareggiocalabria.it.

    Condividi