Arrestato un uomo agli imbarcaderi di Messina con un carico di gioielli rubati a Bovalino (Rc)

StrettoWeb

Intercettato dai finanzieri agli imbarcaderi di Messina con un carico di gioielli rubati per un importo complessivo di 200.000 euro circa, e’ stato arrestato il catanese Orazio Nicolosi, 45 anni. Nella sua auto sono stati scoperti alcuni borsoni contenenti attrezzi da scasso e centinaia di gioielli d’oro, orologi, pietre preziose e una tromba musicale di particolare valore. I monili, si e’ poi accertato, provengono da un furto nella gioielleria “Iemma” e nella ditta “Arte in Oro”, mentre lo strumento musicale era stato rubato dallo studio di progettazione “K Strutture”, attivita’ tutte situate a Bovalino (Reggio Calabria). Tra gli arnesi, una fresa industriale per forare le pareti con un diametro di oltre 20 centimetri, un’attrezzatura completa per la fiamma ossidrica, una saldatrice, piedi di porco, 2 radio trasmittenti ed altre decine di strumenti. Si suppone che Nicolosi possa far parte di una “banda del buco”, responsabile del furto in gioielleria, commesso appunto con questo sistema.

Condividi