Area sequestrata nel reggino jonico

StrettoWeb

Gli uomini del Corpo forestale di Reggio Calabria hanno sequestrato un’area dove veniva scaricata abusivamente sansa non esausta proveniente dalla molitura delle olive e hanno proceduto a denunciare il proprietario. Durante i controlli del territorio, il personale del Comando stazione di Bagaladi, in localita’ “Cammara'”, nel comune di San Lorenzo, ha notato che all’interno di un terreno adibito a uliveto seminativo, risultato successivamente intestato a I.S., di 55 anni, erano stati depositati diversi cumuli di sansa umida non esausta proveniente da attivita’ di molitura delle olive. Da una verifica piu’ accurata e’ emerso che la sansa era stata deliberatamente scaricata senza attenersi alla regolare procedura prevista dalla vigente normativa. Dalle indagini si e’ potuto risalire al fatto che il proprietario del terreno possedeva anche un frantoio posto in una proprieta’ limitrofa a quella in cui era stata creata la discarica e dal quale provenivano i residui di lavorazione. L’uomo e’ stato, quindi, denunciato con contestazioni riguardanti i reati di scarico illecito di reflui industriali senza il necessario trattamento e la relativa comunicazione nonche’ il reato di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti senza autorizzazione.

Condividi