In migliaia oggi per l’estremo saluto a Simoncelli

StrettoWeb

All’interno del teatro anche la Gilera con cui Simoncelli ha vinto il Mondiale 2008 nella classe 250 e la Honda del team Gresini con cui ha gareggiato in questa stagione in MotoGp. La bara, per volere della famiglia, è rimasta aperta e, attraverso il vetro, molte persone hanno potuto salutare Marco, nel suo abbigliamento semplice.

Tra coloro che hanno fatto visita alla camera ardente anche l’ex compagno di squadra al team Gresini Marco Melandri. “Sono stato dalla famiglia oggi, per me era importante salutare loro e Marco”, ha dichiarato il pilota.  E ha concluso: “Siamo vicini alla famiglia. Marco ha fatto quello che voleva, amava sorridere, non voleva vedere la gente piangere, era amato dal pubblico perche’ era un ragazzo normale, oggi manca nel mondo questa semplicità”.

Il presidente della Federazione Motociclistica Italiana, Paolo Sesti, ha chiesto inoltre che il numero 58, utilizzato da Marco Simoncelli, venga ritirato dal Motomondiale, inviando una lettera ufficiale a Carmelo Ezpeleta, Amministratore Delegato della societa’ spagnola Dorna.

“Per tutti quelli che me lo chiedono e non potranno essere domani a Coriano non preoccupatevi, il Sic ve lo saluto io. Grazie”. Queste le parole che Valentino Rossi rivolge ai tanti tifosi che non potranno essere presenti domani per l’addio al giovane campione.

“Questa brutta tragedia ha unito tutto il mondo del motociclismo – ha aggiunto Aldo Gandolfo, portavoce del team Gresini – La morte di Marco ha trasmesso questo forte messaggio e spero che i piloti pensino piu’ a essere fratelli”. E lancia un monito: “Si deve essere rivali e fare a sportellate ma l’amicizia deve essere al primo posto”.

La cerimonia funebre sarà presieduta da molti volti protagonisti del MotoGp  e sarà trasmessa, dalle 14 circa, in diretta da Rai, Mediaset e Sky.

Inoltre, stasera alle ore 23.30 su Italia 1 andra’ in onda lo speciale ”Dimmi di Sic – Il nostro Simoncelli” a cura della redazione di Sport Mediaset, con i momenti piu’ belli della vita personale e professionale del campione,con la conduzione di Giorgio Terruzzi e Paolo Beltramo.

Condividi