Toscana, crolla un ponte sul fiume Magra: coinvolti mezzi in transito, dettagli e aggiornamenti [FOTO]

/

E’ crollato un ponte sul fiume Magra, tra i comuni di Bettola e Albiano: coinvolti due veicoli in transito, foto e aggiornamenti

È crollato il ponte sul Fiume Magra che collegava il comune di Bettola ad Albiano, in Toscana. I vigili del fuoco sono intervenuti intervenendo dalle 10.25 ad Aulla ( in provincia di Massa Carrara) per il crollo del ponte sulla Sp70 che univa la provinciale alla Sp62. Nei mesi scorsi una crepa aveva fatto scattare alcuni controlli da parte delle autorità, fino all’accaduto disastro della mattinata di oggi. Il crollo ha provocato anche un forte boato, avvertito dalla popolazione locale. Sul posto ci sono Carabinieri e forze dell’ordine. Due le squadre dei vigili del fuoco al lavoro, allertato anche il nucleo Usar.

Dalle prime informazioni risulta che due veicoli in transito sono rimasti coinvolti dal crollo. Si tratta di due furgoni precipitati sul letto del fiume e rimasti sopra la carreggiata collassata. C’è un ferito trasportato in codice giallo all’ospedale: sarebbe il conducente di uno dei due furgoni. L’autista dell’altro mezzo, invece, sarebbe rimasto praticamente illeso a parte lo choc. E’ quanto si apprende da fonti sanitarie. I testimoni parlano, inoltre, di “un forte odore di gas”. La causa del crollo potrebbe essere stata una esplosione dovuta proprio ad una fuga di gas, che passa dalle tubazioni sotto al ponte.

Il ponte stradale crollato sul fiume Magra si trova al confine tra Liguria e Toscana, in località Albiano Magra (Massa Carrara), lungo una strada provinciale che collega la bassa Val di Vara con la Val di Magra (La Spezia). Il ponte, a quanto si apprende, è gestito da Anas. La protezione civile della Liguria ha già contattato i colleghi toscani per offrire il proprio supporto. L’aiuto viene offerto tramite il polo di Santo Stefano Magra (SP) dalla colonna mobile di protezione civile ligure.  L’infrastruttura negli ultimi mesi era stata al centro di polemiche dopo che, lo scorso novembre, in seguito a un’ondata di maltempo, si era formata una crepa notata anche da molti automobilisti. Ma, dopo un intervento di riparazione e dopo il sopralluogo dei tecnici Anas, era stato dato il via libera alla circolazione senza limiti al traffico.