Voleva fare una strage, ecco il volto del senegalese che ha sequestrato un bus con 51 ragazzini e gli ha dato fuoco [FOTO]

  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Ufficio stampa Carabinieri/LaPresse
    Ufficio stampa Carabinieri/LaPresse
  • Matteo Corner/Lapresse
    Matteo Corner/Lapresse
  • Matteo Corner/Lapresse
    Matteo Corner/Lapresse
  • Matteo Corner/Lapresse
    Matteo Corner/Lapresse
  • Matteo Corner/Lapresse
    Matteo Corner/Lapresse
  • Matteo Corner/Lapresse
    Matteo Corner/Lapresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
  • Mourad Balti Touati/LaPresse
    Mourad Balti Touati/LaPresse
/

Senegalese sequestra bus con 51 studenti a bordo e gli dà fuoco. La paura resta tanta ma si sta cercando di tornare alla normalità alla scuola di Crema

Si sta cercando di tornare alla normalità alla scuola di Crema dopo che, Ouesseynou Sy, nella mattinata di ieri, ha sequestrato e incendiato un bus con 51 studenti. L’uomo voleva fare una strage a Linate per “vendicare i morti in mare”. La paura è ancora palpabile tra i genitori dei ragazzi. La mamma di un’alunna che, per fortuna, non era a bordo del mezzo afferma: “ho deciso di portarla anche perchè a casa avrebbe guardato la tv e si sarebbe ancor più preoccupata. Non ha dormito”.

Gli investigatori alla ricerca del video

Gli investigatori stanno cercando di acquisire il video postato dall’uomo sul suo canale privato di una piattaforma web e inviato ai suoi conoscenti in Italia e in Senegal dove spiegava le ragioni del suo folle gesto contro le politiche migratorie italiane.

Ousseynou Sy è in carcere è sorvegliato a vista

Ousseynou Sy è in carcere a San Vittore e sorvegliato a vista. L’uomo, che subito dopo l’arresto era stato medicato in ospedale per ustioni leggere, questa mattina avrà un colloquio con uno psichiatra.

L’attentatore: “è stata una mia scelta personale”

“E’ stata una mia scelta personale”, avrebbe detto ai pm Ousseynou Sy durante l’interrogatorio. “Non ne potevo più di vedere bambini sbranati da squali nel Mediterraneo, donne incinte e uomini che fuggivano dall’Africa”, avrebbe detto l’attentatore.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...