Reggio Calabria, i consiglieri di minoranza: “chiediamo trasparenza dei bilanci da parte dell’amministrazione” [FOTO e INTERVISTE]

/

Reggio Calabria, i consiglieri di minoranza in conferenza stampa sulla mancata trasparenza del bilancio nei confronti della città

minoranza (2)Questa mattina a Palazzo San Giorgio a Reggio Calabria, i consiglieri di minoranza dell’amministrazione comunale hanno indetto una conferenza stampa sulla mancata trasparenza del bilancio nei confronti della città. “Abbiamo chiesto fin dall’inizio di avere le carte per tempo perché necessitano dell’attenzione da parte di tutti, ma purtroppo anche quest’anno si è arrivati ad avere le carte all’ultimo secondo”, denuncia Antonino Pizzimenti capogruppo di Forza Italia. “I documenti, arrivati solo venerdì pomeriggio in commissione, erano pieni di errori, e molti altri mancavano. La strategia dell’amministrazione è forse quella di farci vedere le carte all’ultimo momento solo per nasconderci le insidie” conclude Pizzimenti. I consiglieri mostrano come rispetto agli anni precedenti siano diminuiti gli investimenti dal settore del turismo sino alla cultura, allo sport e all’ambiente a differenza del settore dei trasporti dove sono stati investiti soldi in più. “I consiglieri di minoranza hanno avuto la possibilità di leggere il quadro analitico della situazione solo venerdì scorso cioè 15 minuti prima della commissione bilancio. Questi documenti arrivano sempre frammentati. La minoranza ha deciso che scriverà un esposto all’autorità nazionale anti corruzione perché non è possibile nascondere così le carte”, rincara Imbalzano. “È un’amministrazione falsamente trasparente. È nel dna di questa amministrazione dire di essere trasparente ma non esserlo. Un esempio è dato dalla situazione dell’ufficio stampa annullato con la scusa di spostare il dipendente in un altro settore. Togliendo così l’organo che garantisce trasparenza con la scusa che non ci sono soldi. Noi siamo preoccupatissimi perché c’è una morte non apparente di questa città“, conclude Massimo Ripepi.