Reggina, Gallo: “rescissione consensuale con Andrea Gianni”. Tempestilli: “riallacciare i contatti e individuare talenti” [FOTO e VIDEO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

La Reggina ufficializza il nuovo Responsabile del settore giovanile, si tratta di Antonio Tempestilli. Oggi giornata di presentazione

Giornata di presentazione in casa Reggina, il club amaranto pensa già al futuro e ha intenzione di puntare moltissimo anche sul settore giovanile. E’ stato infatti ufficializzato l’arrivo di Antonio Tempestilli, sarà il Responsabile del settore giovanile, del Centro Sportivo Sant’Agata e del calcio femminile.

Inizia a parlare il presidente Luca Gallo: “sono molto emozionato, sembra la prima conferenza stampa, negli ultimi tre mesi è successo un pò di tutto. Voglio salutare la tifoseria e fare un annuncio: abbiamo fatto la risoluzione consensuale con Andrea Gianni, faccio i migliori auguri al direttore generale e lo ringrazio. E’ un ottimo professionista e persona”. Sul protocollo: “ho sentito cose non vere, la posizione della Reggina è ben delineata. Per adesso non si sa nulla sugli allenamenti di gruppo, il centro sportivo è ampio e abbiamo molta scelta”. Su Tempestilli: “il mio sogno è quello di trovare il futuro capitano, nato a Reggio e che rappresenta la città, per questo ho preso Antonio”. 

Poi è il turno di Antonio Tempestilli: “devo ringraziare il presidente Luca Gallo per l’opportunità. La scelta è stata facile, conosco Reggio e la Reggina, non ho avuto mai dubbi e tanto entusiasmo. Voglio far bene, ci sono persone valide e un grande presidente. L’intenzione è migliorare questa struttura, il centro sportivo è invidiabile. E’ una società che ha tradizione, bisogna riallacciare tutti i rapporti e individuare i ragazzi più bravi. Sono stato aggiornato sulla situazione attuale, è un anno difficile e non faccio miracoli. Per adesso dobbiamo organizzare una Primavera con l’obiettivo di migliorare. Per crescere dei ragazzi interessanti abbiamo bisogno di tecnici bravi e di qualità”.

“C’è grande stima con il presidente, è una persona seria e di grande ambizione. Alcune volte bisogna frenarlo, pensa già di vincere il campionato di Serie B. Metà della mia vita l’ho trascorsa alla Roma. Sono rimasto male quando sono andato via. Sono rimasto amareggiato per come sono stato trattato. Alla Reggina sono venuto con entusiasmo, voglio fare bene, ma devono esserci le condizioni. Ci stiamo già confrontando con Taibi, è necessario fare degli investimenti. Ieri mi sono confrontato anche con Bruno Conti. Il primo passo è stato puntare sulla prima squadra, adesso è arrivato il momento di farlo anche sulla Primavera e il settore giovanile. Ho trovato un centro sportivo molto valido, dobbiamo ancora migliorare qualcosa. Il modello della Roma è vincente, per i giovani ci sono più possibilità di emergere in un club come la Reggina. Noi dobbiamo essere bravi anche con i genitori”. In alto la fotogallery, in basso il video con le dichiarazioni del presidente Luca Gallo.

Reggina, Gallo: “la posizione è delineata e assicurata” [VIDEO]

Reggina, De Rose sulla Serie B a due gironi: “secondo me sono solo cavolate”