Nino Candido, il Vigile del Fuoco di Reggio Calabria morto ammazzato dalle bombe di Alessandria un anno dopo il matrimonio [FOTO]

  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
/

Esplosione cascina ad Alessandria: morto il giovane Vigile del Fuoco di Reggio Calabria, Nino Candido

Nino Candido, appena 32 anni sposato da appena un anno con Elena Barreca: è di Reggio Calabria la vittima più giovane dell’esplosione di questa notte a Quargnento, dove tre Vigili del Fuoco sono stati uccisi da un’esplosione che con ogni probabilità è stata di natura dolosa. Nino è cresciuto a Reggio, aveva frequentato il geometra Righi e poi si era trasferito in Piemonte, ad Alessandria, per motivi lavorativi. Un anno fa, a Settembre, il matrimonio con la compagna di una vita, Elena Barreca, a Reggio. Adesso vivevano ad Albenga (Savona) insieme al loro inseparabile cane. Nino, appassionato di tatuaggi, Milan, basket e viaggi, ha seguito le orme del padre e ha fatto di tutto per diventare effettivo dei Vigili del Fuoco. Sin dal lontano 2006 ha svolto servizio presso il Comando di Reggio Calabria come volontario. Nel settembre 2017, essendo stato assunto, aveva coronato il sogno della sua vita, quello di fare lo stesso mestiere del padre Angelo capo reparto dei Vigili del fuoco in servizio al distaccamento aeroportuale di Reggio Calabria. “I colleghi del Comando di Reggio si stringono attorno alla famiglia Candido” si legge in una nota del Comando. Nino stanotte è deceduto insieme agli esperti colleghi Matteo Gastaldo (46 anni) e Marco Triches (38 anni), mentre sono rimasti feriti il caposquadra dei Vigili del fuoco Giuliano Dodero, il vigile Luca Trombetta e il carabiniere Roberto Borlengo, trasportati negli ospedali di Alessandria e Asti.

Con ogni probabilità, sono morti in quello che è stato un vero e proprio attentato alle forze dell’ordine, nella notte che ha seguito le celebrazioni del 4 Novembre. Secondo le prime informazioni, infatti, una squadra di pompieri è intervenuta in seguito alla segnalazione di una fuga di gas a Quargneto, arrivata dopo la mezzanotte. Secondo alcuni testimoni c’era stata una piccola esplosione che aveva causato un incendio. Mentre l’intervento era in corso, intorno alle 2, c’è stata la deflagrazione e l’edificio è crollato. Due vigili del fuoco sono morti subito e il corpo di un terzo è stato recuperato questa mattina. In un edificio più basso attiguo a quello crollato sono state trovate altre due bombole di gas da cucina inesplose e gli inquirenti sospettano che possa essersi trattato di un atto doloso, forse con l’uso di un timer azionato a distanza. Le perplessità maggiori nascono dal fatto che l’edificio fosse disabitato e dalla dinamica dell’accaduto, con la segnalazione di una fuga di gas e la deflagrazione a intervento in corso. “In altre occasioni la casualità è subito evidente, stavolta è diverso e non si può escludere l’ipotesi dolosa“, ha riferito il comandante del Reparto operativo dei carabinieri di Alessandria, Giuseppe Di Fonzo. Testimoni hanno riferito di aver sentito un boato e poi le disperate urla di aiuto.

Il ritrovamento degli inneschi avvalora la pista dolosa seguita dagli inquirenti. Dolore e cordoglio per la morte dei vigili del fuoco sono stati espressi dalle massime autorità dello Stato. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio al prefetto Salvatore Mulas, capo Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, ha scritto: “Ho appreso con profonda tristezza la notizia del decesso, durante un intervento in provincia di Alessandria, dei Vigili del Fuoco Antonino Candido, Marco Triches e Matteo Gastaldo. In questa dolorosa circostanza desidero esprimere a lei e al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco la mia solidale vicinanza, rinnovando il profondo sentimento di fiducia e di riconoscenza per la generosa dedizione al servizio della collettività. La prego di far pervenire ai familiari le espressioni della mia commossa partecipazione al loro cordoglio e ai Vigili del fuoco feriti gli auguri di pronta guarigione“.

Reggio Calabria, il Vice Comandante dei Vigili del Fuoco Nicola Corsaro ricorda Nino Candido: “era un ragazzo molto stimato e preparato” [VIDEO]

Reggio Calabria, Picchetto d’onore delle forze dell’ordine ai Vigili del Fuoco per la morte di Nino Candido [FOTO e VIDEO]

Esplode cascina ad Alessandria, il cordoglio del premier Conte

Il premier Giuseppe Conte su Twitter ha commentato: “La morte di tre vigili del fuoco a Quargnento addolora tutta l’Italia. Il mio commosso pensiero alle vittime e un abbraccio alle famiglie e ai feriti. Solidarietà e pieno sostegno ai Vigili del fuoco, eroi sempre in prima linea per garantire la nostra incolumità“. Anche il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che nelle prossime ore sarà in provincia di Alessandria, ha espresso il suo cordoglio al capo del Dipartimento dei Vigili del fuoco.

Esplode cascina ad Alessandria: il cordoglio dei vertici dei Vigili del Fuoco

Profondo cordoglio e vicinanza” alle famiglie dei tre pompieri morti nell’esplosione di stanotte nell’edificio disabitato a QuargnentoAntonino Candido, Matteo Gastaldo e Marco Triches – vengono espressi dal Capo Dipartimento dei Vigili del fuoco Salvatore Mulas e dal Capo del Corpo Fabio Dattilo, che in una nota parlano di “vittime del dovere”. Mulas e Dattilo manifestano anche “vicinanza a tutti i colleghi, in particolare quelli di Alessandria, in questo momento tragico per il Corpo“.

Esplode cascina ad Alessandria, Siclari (FI): “piangiamo tre giovani eroi, vicino alle famiglie”

Le parole non basteranno mai a spiegare il dolore di questi momenti. Una preghiera per Antonio (Nino), Marco e Matteo tre Vigili del Fuoco che hanno perso tragicamente la vita in una terribile esplosione a Quargneto, in provincia di Alessandria. Hanno perso la vita svolgendo il loro lavoro mettendo in sicurezza i cittadini. La Calabria piange anche per Nino Candido, di Reggio Calabria che aveva intrapreso lo stesso lavoro del padre a servizio del prossimo. Un abbraccio alle loro rispettive famiglie per questa tragedia che ci lascia senza parole e all’intero Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”.  Il senatore forzista Marco Siclari si unisce al dolore delle famiglie e della comunità ancora sbigottita di fronte a una grave tragedia.

Esplode cascina ad Alessandria, la solidarietà del segretario-questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri alla famiglia del VdF, Candido

“E’ di poche ore la notizia che lascia l’intera comunità calabrese nello sconforto. Nella tragedia di Alessandria, nella quale hanno perso la vita tre Vigili del Fuoco, uno di loro era calabrese. Il crollo di una cascina, a causa di un’esplosione, le cui cause devono essere accertate, mentre erano in corso le operazioni di spegnimento di un incendio, ha strappato la vita di Matteo Gastaldo, 46 anni, Marco Triches 38 anni e Antonino Candido, trentenne di Reggio Calabria”. Lo afferma in una dichiarazione il segretario-questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri.

 “Un dolore atroce per la famiglia, e per chi lo conosceva. Giovane e da poco sposato, stava realizzando il sogno di una vita: quello di costruire il proprio futuro facendo il lavoro che più amava. Il Vigile del Fuoco era un mestiere ed una vocazione per Antonino e per la sua famiglia, perché anche il padre faceva parte del Corpo dei Vigili del Fuoco.  Un comparto di eccellenza che tutto il mondo ci invidia, per professionalità, preparazione e umanità. Sono degli eroi silenziosi. Loro sono i custodi della nostra sicurezza e fondamentali nel nostro vivere la quotidianità. Nei loro occhi e nel loro vissuto un connubio meraviglioso di fatica e sorrisi. E la dolce ‘sofferenza’ delle famiglie e delle mogli abituate a sopportare una vita sempre in servizio.  Onore alle famiglie di questi angeli ed onore al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”.

Esplode cascina ad Alessandria, il cordoglio dell’Fsp Polizia: “ipotesi dolo è agghiacciante. Rendere giustizia a questi eroi e alle loro Famiglie”

“Il più profondo cordoglio di tutta la Federazione Sindacale della Polizia di Stato va ad unirsi al fiume di solidarietà che da tutta Italia sta giungendo in provincia di Alessandria ai familiari e ai colleghi degli eroici tre Vigili del fuoco morti questa notte nello svolgimento del loro servizio al Paese, di cui purtroppo conosciamo da vicino i sentimenti di queste ore. E mentre un doveroso pensiero va anche ai feriti di questo dramma senza fine, rivolgiamo il nostro grazie a chi accorre a testa bassa quando tutti scappano. Una qualità dei coraggiosi appartenenti a un Corpo che ha pagato un tributo di sangue altissimo all’Italia, e che rende ancor più agghiacciante il fatto che l’esplosione di stanotte sia frutto di un’azione dolosa. I responsabili di questa atrocità devono rispondere di una grande nefandezza, e che paghino fino in fondo è dovuto alle vittime e ai loro familiari”.  Così Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, dopo l’esplosione di stanotte della cascina in provincia di Alessandria a causa della quale sono morti tre Vigili del fuoco, due piemontesi, Marco Triches, 38 anni, e Matteo Gastaldo, 47 anni, e uno di Reggio Calabria, Antonio Candido, di 30 anni.

Esplode cascina ad Alessandria, il cordoglio del sindaco Falcomatà per la scomparsa del giovane Antonino Candido: “Reggio Calabria perde uno dei suoi figli”

Il sindaco Giuseppe Falcomatà esprime il proprio cordoglio e quello della città tutta per la morte di Antonino Candido, il giovane vigile del fuoco reggino, di istanza ad Alessandria, morto nel compimento del proprio dovere durante un tragico e fatale intervento. Stringendosi al dolore della moglie e dei familiari, il primo cittadino, in più circostanze, ha celebrato la memoria di chi, seguendo le orme paterne, “si è sempre messo al servizio del prossimo”.

“Reggio – sono le parole del sindaco – perde uno dei suoi giovani migliori che per vivere vanno a ‘donare’ altrove la propria vita. Una tragedia, quella che ha colpito la famiglia Candido, che è un po’ la fotografia delle storie di tanti ragazzi della nostra città che, troppo spesso, sono costretti ad andare via e, una volta fuori, si distinguono per passione, impegno, dedizione per il proprio lavoro”.

Esplode cascina ad Alessandria, il garante Mattia: “vigili del fuoco sempre con i più piccoli, a loro il nostro cordoglio dopo i fatti di Alessandria”

«L’Ufficio del Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza esprime le proprie condoglianze al Corpo dei Vigili del Fuoco dopo i tragici fatti di Alessandria. Non solo ricorda il valoroso reggino Antonino Candito e gli altri due suoi colleghi morti eroicamente compiendo il loro dovere, uccisi da una violenta esplosione, ma mostra vicinanza al corpo non solo per la quotidiana e coraggiosa azione che mette in campo a difesa dei cittadini e del territorio, ma anche, nello specifico delle competenze dell’organismo che ho l’onore di guidare, per il loro storico contributo nel diffondere ed applicare la Convenzione Internazionale sui Diritti per l’Infanzia, testimoniato anche dall’essere ambasciatore Unicef» afferma in una breve nota il Garante Emanuele Mattia.

Esplode cascina ad Alessandria, il cordoglio della Fiamma Tricolore per i Vigili del Fuoco caduti in servizio a Quargnento

“Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore abbruna le proprie bandiere in segno di lutto per i tre vigili del fuoco caduti in servizio a Quargnento”. Lo afferma in una nota Fiamma Tricolore.

“Questa volta la mano criminale infligge una dura ferita ad una vera e propria istituzione come i Vigili del Fuoco, corpo da sempre vicino alla popolazione sia negli interventi quotidiani di routine che nei momenti più tragici quando sono chiamati a intervenire a seguito di calamità naturali mettendo a rischio la propria vita per il bene comune”.

“Antonio, Marco e Matteo non meritavano questa tragica fine per la quale chiediamo fin da subito siano ricercati i colpevoli ai quali dovrà essere inflitta una pena esemplare.Quello del 2019 sarà ricordato come un anno orribile: loro si aggiungono ad altri caduti in servizio come Pierluigi e Matteo a Trieste, Mario caduto a Roma, Vincenzo ucciso a Cagnano Varano.Una situazione inaccettabile per ogni paese che voglia definirsi civile e che non dedica alle forze dell’ordine la giusta attenzione e rispetto che le stesse meriterebbero per il servizio quotidiano reso alla collettività!La Fiamma Tricolore di Reggio Calabria si stringe attorno al dolore della famiglia di Antonio e della giovane moglie Elena. Lascia in tutti noi il ricordo di una persona solare e sincera. Sia il suo sacrificio e spirito di abnegazione esempio per tutti”.

Esplode cascina ad Alessandria, il cordoglio di Articolo 1 per la scomparsa del giovane Antonino Candido

Il Circolo Reggio Sud di Articolo Uno esprime “alla Famiglia Candido, alla signora Elena Barreca e al Corpo dei Vigili del Fuoco, solidale vicinanza per la tragica perdita del giovane Vigile del Fuoco Antonino Candido e dei suoi colleghi. Un lutto che ha scosso tutta l’Italia e  con particolare dolore l’intera  comunità Reggina.  Esprimiamo sentimenti di riconoscenza ai VV. FF. consapevoli che il quotidiano impegno di servizio che svolgono nei confronti dei cittadini non sia un semplice lavoro, ma una missione con un supplemento di amore, passione e senso del dovere. Morire in modo così tragico mentre si compie il proprio dovere non può che condurci a una profonda riflessione”.

Esplode cascina ad Alessandria, Marra: “rimarrà sempre nei nostri cuori”

“Tutto il Movimento Autonomo Popolare – scrive il presidente Marrasi unisce al dolore della famiglia di Nino Candido e al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria per una perdita così straziante. L’immenso atto del dovere – prosegue– ci ha lasciato di te un indelebile ricordo della persona che eri, ci ha lasciato qui l’amore della tua famiglia, quanto vale la vita di un vigile del fuoco scrivevi; ecco oggi qui nello sgomento e incredulità di questa triste vicenda quella domanda che scrivesti ci risuona dentro. Che Santa Barbara possa accoglierti e che da lassù continui a proteggerci come hai fatto sempre. Buon viaggio eroe, concludono Cinzia Sorace e Roberto La Grotteria”, conclude.


Valuta questo articolo

Rating: 4.6/5. From 13 votes.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE