Messina: presentata a Palazzo Zanca la 34^ edizione di “Vivicittà” [FOTO]

/

Presentata a Messina la 34^ edizione della gara podistica Vivicittà

vivicittà (4)

L’assessore allo Sport Sebastiano Pino, il consigliere nazionale Uisp Santino Cannavò e il presidente provinciale Uisp Enrico Boni hanno presentato stamane, nella Sala Ovale di Palazzo Zanca, la 34° edizione del Vivicittà in programma domenica prossima a Messina.

Anche quest’anno la Uisp di Messina prende parte alla manifestazione che da la possibilità ad atleti professionisti e sportivi in genere di gareggiare nella maratona competitiva sui 12 km. L’invito di domenica si estende anche ai ragazzi delle scuole cittadine e, come ogni anno,  la manifestazione è aperta anche a coloro che vogliono semplicemente godere di una sana passeggiata ludico motoria lungo il percorso alternativo di 4 km.

Vivicittà è “la corsa più grande del mondo”, partita nel lontano 1983, che supera i confini territoriali coinvolgendo in contemporanea  città come Ginevra, Huambo, Luanda, Mocamedes, Nova Gorica, Sarajevo.

L’iniziativa all’insegna del sano sport  interesserà anche gli istituti penitenziari e minorili delle città italiane. L’appuntamento di domenica, in contemporanea con tutti i comuni aderenti, avrà inizio alle 10:30, Start su Rai Radio1 in via Garibaldi.

La corsa si snoderà per la via Garibaldi lungo l’anello delimitato dalla Via Tommaso Cannizzaro e Viale Boccetta. A tutti gli iscritti verranno consegnati una maglietta e un pacco  contenente prodotti di ristoro. A fine gara verrà redatta una classifica unica di tutti i partecipanti alla manifestazione e verrà consegnato un premio per la scuola cittadina più rappresentata.

Vivicittà si svolge con il patrocinio gratuito del Comune di Messina. La quota di partecipazione è di 8 euro per gli agonisti, 6 per i non agonisti e 4 per i ragazzi.

La corsa in segno della solidarietà si svolgerà in collaborazione con l’Associazione “Terre des hommes“, un euro di ogni quota individuale sarà devoluto in favore dei minori siriani sfuggiti alla guerra.