Messina: il Dipartimento di Scienze Politiche ricorda la Prof. Antonella Cocchiara

/

Ieri e oggi  presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Messina i docenti  di Storia delle istituzioni hanno voluto omaggiare il ricordo della collega Antonella Cocchiara

17198918_10212730541486301_992655_nIeri e oggi  presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Messina i docenti  di Storia delle istituzioni hanno voluto omaggiare il ricordo della collega Professoressa Antonella Cocchiara, ordinaria di Storia delle istituzioni politiche, già Presidente del Comitato Unico di Garanzia dell’Ateneo, ancora prima del Comitato per le Pari opportunità di Unime e socia dell’Accademia Peloritana dei Pericolanti. La scelta dell’otto marzo come data in cui celebrare la prima giornata dedicata al suo ricordo non è certo stata casuale, ma una precisa volontà di ricordare una studiosa, e prima ancora una donna, dalla straordinaria sensibilità che per anni ha dedicato le sue energie ai temi della cittadinanza politica di genere. Un’ occasione quindi non per festeggiare la ricorrenza dell’otto marzo, ma di riflessione congiunta tra tutti coloro che erano presenti nella gremita aula Campagna, la stessa in cui la docente accoglieva le sue studentesse e le tante altre donne per discutere sui temi di genere.“La prof.ssa Cocchiara – ha detto il Direttore del Dipartimento, prof. Giovanni Moschella – è stata un punto di riferimento per la diffusione della cultura della parità di genere e per l’impegno in qualità di docente”. Durante il primo incontro è stato inoltre presentato l’ultimo volume della studiosa, dal titolo “Donne, politica, istituzioni e società. Temi e questioni di genere”. Il  testo, pubblicato in occasione del 71° anniversario del diritto di voto alle donne, oltre a testimoniare la grande eredità scientifica lasciataci dalla docente, ripropone temi quanto mai attuali sulle discriminazioni di genere. A presentare il volume postumo la collega e amica Prof.ssa Vittoria Calabrò, associata di Storia delle istituzioni politiche presso lo Scipog, insieme a Giovanna Fiume (ordinaria di Storia moderna), Antonella Cammarota (ordinaria di Sociologia dei fenomeni politici) e Patrizia Tomio (Presidente della Conferenza Nazionale degli Organismi di Parità delle Università Italiane). Nella giornata di oggi, presso la medesima Aula Magna “Lorenzo Campagna”, si è svolto, invece, il seminario “Cultura, istituzioni, diritto e società nell’età moderna e contemporanea”. In seguito ai saluti istituzionali ed al ricordo della studiosa messinese, tracciato dal Prof. Andrea Romano, hanno preso la parola Marcella Allieti, Livio Antonelli, Pasquale Benedice, Maria Sofia Corciulo, Angela De Benedictis, Romano Ferrari Zumbini, Giuseppe Astuto, Giovanna Fiume, Daniela Novarese, Enza Pelleriti, Salvatore Bottari e Elena Faraci. Durante le due giornate di incontri ogni relatore ha fornito una disamina completa del lavoro svolto dalla Professoressa, in particolare hanno trovato spazio le riflessioni sulla costruzione culturale, divenuta luogo comune e strumento ideologico, che identifica nel genere femminile il “sesso debole”. Non sono mancate le riflessioni sulla cultura politica ottocentesca, fortemente indirizzata alla difesa dei privilegi maschili e a garantire che le istituzioni liberali  si tenessero lontane dall’ inconveniente di annoverare tra i propri componenti funzionari donne. La Professoressa lascia non solo il piacevole ricordo di un animo gentile, ma un’eredità scientifica e valoriale che continuerà a  camminare sulle gambe di tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerla.