Giro d’Italia, Nibali: “sto bene e punto al podio” [FOTO]

  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
/

Vincenzo Nibali si presenta con grandi ambizioni al via della centesima edizione del Giro d’Italia, che scatterà venerdì da Alghero

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Il podio finale è l’obiettivo minimo, la terza vittoria in carriera il sogno. Vincenzo Nibali si presenta con grandi ambizioni al via della centesima edizione del Giro d’Italia, che scatterà venerdì da Alghero. “Mi sento abbastanza bene. Il clima qui in Sardegna è eccezionale. Non vedo l’ora di prendere il via”, ha detto il campione in carica. “Le mie aspettative sono conosciute da tutti: voglio salire sul podio finale. Non è facile finire sul gradino più alto, se non fosse possibile vincere di nuovo il Giro combatterò per il secondo o il terzo posto per onorare la corsa”, ha aggiunto il siciliano della Bahrain Merida. “Abbiamo lavorato bene come squadra per essere qui nella condizione migliore. Ho il massimo rispetto per gli avversari -ha sottolineato lo ‘squalo dello Stretto’-. Sarà una sfida lunga con tanti imprevisti. Mauro Vegni ha disegnato una gara ancor più difficile degli anni passati. Mi ha anche reso l’onore di portare il Giro nella mia terra. Ci sarà pure un circuito cittadino a Messina. Sono pieno di gioia sia per me, sia per i miei tifosi che per la mia famiglia. Non è la prima volta che il Giro arriva in Sicilia ma stavolta ha un sapore speciale”. “La quarta tappa ha un dislivello di 4000 metri -ha evidenziato il due volte campione della ‘Corsa Rosa’-. Arriverà dopo tappe nervose in Sardegna. Sarà il primo scontro diretto con i rivali: lì vedremo come staremo. Andremo sull’Etna da un versante diverso rispetto a quello di sei anni fa. È più duro stavolta e verrà dopo un giorno di riposo. Comincerò il Giro con molta cautela e con la speranza di andare regolare”.