fbpx

Reggio dice basta: “Falcomatà, delle tue scuse non ne possiamo più!”. Il popolo chiede le dimissioni

"Dimissioni, vergogna", hanno urlato i presenti a gran voce, tra cori e striscioni. "Falcomatà, delle tue scuse non ne possiamo più, il colpevole sei tu". La richiesta è chiara, come ampiamente anticipato: chiedere all'attuale classe politica, a chi amministra al momento la città, di fare un passo indietro

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Una partecipazione forte, importante, massiccia, concreta. E fa notizia. Si dice spesso che a Reggio Calabria si sia bravi soltanto a lamentarsi sui social e nulla più. Oggi, però, il popolo ha dimostrato che anche la città dello Stretto, quando vuole, sa alzare la voce. Ha riscosso ottime adesione il corteo “Reggio è morta”, che si sarebbe dovuto tenere sabato scorso ma che è poi stato rinviato causa maltempo. E, a dirla tutta, non che oggi le condizioni meteo fossero migliori, ma la gente è talmente stanca da essere scesa in piazza lo stesso, nonostante la pioggia e il forte vento. C’erano Associazioni, Comitati di Quartiere, semplici cittadini e anche diversi Consiglieri Comunali dell’opposizione ed esponenti reggini che hanno fatto parte della vita politica cittadina.

Dimissioni, vergogna”, hanno urlato i presenti a gran voce, tra cori e striscioni. Falcomatà, delle tue scuse non ne possiamo più, il colpevole sei tu”. La richiesta è chiara, come ampiamente anticipato: chiedere all’attuale classe politica, a chi amministra al momento la città, di fare un passo indietro, a maggior ragione dopo le recenti vicende giudiziarie che hanno colpito il primo cittadino, ora sospeso e il più contestato oggi. A dispetto di chi pensava che la manifestazione di oggi fosse organizzata dall’opposizione, o comunque legata a qualche partito, c’è un episodio abbastanza eloquente: al termine del corteo, all’arrivo a destinazione, qualche organizzatore ha chiesto ai politici presenti di allontanarsi, in quanto la mobilitazione odierna è assolutamente apartitica e apolitica, un concetto di fondo già espresso ieri dall’organizzatore a StrettoWeb.

Le immagini del corteo di protesta a Reggio Calabria contro l’Amministrazione | VIDEO

“Falcomatà, il colpevole sei tu!”: il grido di protesta dei reggini sul Corso Garibaldi | VIDEO

Corteo “Reggio è morta”, le interviste ai partecipanti: “assurdo che la città non abbia mai protestato” | VIDEO

Corteo Reggio Calabria: “se Falcomatà non se ne andrà le proteste continueranno” | VIDEO