fbpx

Reggina, Inzaghi annuncia novità: “domani cambierò”. Torna Santander, ma c’è una nuova defezione

In Serie B si torna in campo dopo la sosta e la Reggina sarà di scena al Granillo contro il Benevento di Cannavaro: le parole della vigilia in conferenza stampa da parte del tecnico amaranto Inzaghi

Inzaghi Reggina Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

“La vittoria del Modena a Parma non sorprende, per questo dobbiamo fare più punti possibili e tirarci fuori dai pericoli, al di là della nostra classifica attuale. Domani c’è un altro banco di prova, per me il Benevento come Cagliari, Genoa, Parma e Venezia in parte è una delle squadre più forti. Ha avuto tanti infortuni e si permette di lasciare fuori gente come Forte e Simy. Noi però veniamo da tre partite che ci devono dare ulteriore consapevolezza di essere una squadra forte e abbiamo una grande occasione”. Esordisce così, alla vigilia di Reggina-Benevento, dalla sala stampa del Granillo, il tecnico amaranto Pippo Inzaghi“A Ferrara il Benevento ha meritato di vincere, anche se io degli altri mi preoccupo poco. Ricordo qualche giocatore che ha giocato con me, con grande affetto, ha una proprietà di Serie A, c’è grande rispetto e troverò una squadra che ha fatto qualcosa di straordinario, nonché un compagno di tante gioie e successi”.

Per lui il campo, che sarà reso pesante dalla pioggia di queste ore, non è un problema: “penso che sarà in buonissime condizioni, il meteo è un problema sia per noi che per loro, vediamo se sarà il caso di cambiare. Non cambio gli uomini in base al campo. A Venezia sapevo che Di Chiara e Menez entrando potevano dare qualcosa in più. Probabilmente cambierò qualcosa. Domani qualcuno che ha giocato meno partirà titolare, ho molti dubbi ma sono molto sereno. Il 4-2-3-1? E’ un’idea, è che in queste giornate non abbiamo avuto Santander, che domani torna, per 15-20 minuti potrà tornarci utile. Quando lo avremo al meglio valuterò anche Menez e un’altra punta”. Per un Santander che torna c’è però una “nuova-vecchia” defezione: è quella di Obi, che torna indisponibile: “non ci sarà”, ha detto Inzaghi. “In un allenamento ha sentito una botta, si è formato un’ematoma, non si sente libero, per domani non voglio rischiarlo”.

Domanda extra-Reggina: i maxi-recuperi al Mondiale. “Penso ci stiano – confessa Inzaghi – anche perché a volte si recupera poco, è giusto giocare di più se si può, è un’innovazione positiva. Se sto guardando i Mondiali? In questo periodo sono un po’ strani, per gli orari, perché ero abituato a vederli in spiaggia. Poi non essendoci l’Italia dispiace, ma quando posso guardo le partite, guardo C e D, quindi anche i Mondiali”.