fbpx

Reggina, Inzaghi sul mercato: “ho letto nomi infondati”. E sulla rimonta del Benevento…

Le parole del tecnico amaranto Filippo Inzaghi alla vigilia dell'importante match in casa del Brescia di domani

Inzaghi Reggina Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

“A un certo punto bisogna anche mettere una pietra sopra a quello che è stato. Non ne voglio parlare, sono stato bene a Brescia, ho fatto il record di vittorie esterne. Lì è nato mio figlio, ho ancora casa e tantissimi amici. Domani sarà come è stato con Venezia e Benevento, per 90 minuti saremo avversari e poi di nuovo a tifare l’uno per l’altra. Il Brescia è un’ottima squadra, l’anno scorso eravamo costruiti per vincere e hanno cambiato poco. Probabilmente è un gradino sotto le corazzate che ho sempre nominato, come noi. La nostra classifica però ci deve dare grande morale e dovremo essere come sempre la miglior Reggina”. Parla così mister Inzaghi alla vigilia di Brescia-Reggina direttamente dalla sala stampa del Sant’Agata.

Sugli indisponibili: “Ci sono tutti tranne Dutu, Agostinelli e Obi, che non sta ancora bene. Santander si allena da qualche giorno, ci vorrà del tempo. Il modulo è confermato, sarebbe da pazzi cambiare. Vediamo in qualche rotazione, avremo una settimana molto impegnativa”. E poi un piccolo cenno al match contro il Benevento: “Parlare di domenica è superfluo. La squadra ha dimostrato di essere strepitosa, avevo paura di perderla ma invece la squadra ha dato dimostrazione di cuore e anima con quella reazione dopo il pari, fermata solo da un grande Paleari. L’obiettivo è sempre fare un gol in più degli altri, siamo il miglior attacco. I gol subiti domenica sono casuali. Sono contento della fase difensiva, anche da parte degli attaccanti. Il sacrificio anche di Menez, che è diventato il capitano”.

Su obiettivi e mercato, Inzaghi è chiaro: “Penso che in questo momento di mercato non ho mai parlato di nessuno. Escono nomi ma sono infondati. Ho rispetto per questi giocatori, che hanno dimostrato attaccamento, voglia. Tutti hanno fatto qualcosa in più. Al momento penso a queste cinque partite. Il Presidente Cardona ha detto bene: vedremo dove saremo a marzo-aprile, la Reggina quest’anno non deve avere obiettivi. Poi se saremo bravi vedremo, ma ad oggi pensiamo a una partita per volta”.