fbpx

Reggina, pomeriggio amarissimo: al Granillo non c’è storia, passa il Frosinone per 0-3 e vola

Reggina-Frosinone, tutti gli aggiornamenti in diretta: formazioni ufficiali, cronaca testuale live, tabellino, commento, pagelle e dichiarazioni post gara

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggina 0 e Frosinone 3. Un pomeriggio amarissimo. Gli oltre 14 mila allo stadio gelati da un risultato che ci poteva stare – inteso come sconfitta – ma che è visto probabilmente come inaspettato nel punteggio. Sul campo, però, per tenuta mentale, gestione, lettura dei momenti, qualità, il Frosinone ha vinto, con pieno merito, spiegando a tutta la Serie B che non è prima per caso ma che soprattutto non ha la difesa migliore per caso. La Reggina, che pure aveva iniziato con lucidità, saggezza, sapiente gestione, cade (mentalmente) dopo il primo gol, frutto di un disimpegno errato di Camporese. E’ il solito “giochetto”: in una partita così equilibrata, perché tale era fino al gol, vince chi sbaglia meno, o perde chi commette il primo errore. E dopo lo 0-1, cambia tutto: la sblocca Mulattieri dopo il pasticcio combinato Camporese-Colombi, la chiude l’ex Insigne con un super-gol proprio mentre gli amaranto sembravano essere entrati bene. L’ultima mezz’ora è plebiscito ospite, anche con la beffa della “capolista se ne va” cantato dai tifosi ospiti (gemellati con quelli messinesi) ai reggini. Ora il Frosinone va davvero via e lancia un segnale chiaro. Per la Reggina invece il secondo posto è ancora saldo, ma le inseguitrici si avvicinano e la speranza è che questo risultato non mini certezze che a prescindere da oggi erano ben salde.

Reggina-Frosinone 0-3, il tabellino

Marcatori: 34′ Mulattieri (F), 50′ Insigne (F), 68′ Szyminski (F).

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Camporese, Gagliolo, Di Chiara (65′ Crisetig); Fabbian, Majer, Hernani (55′ Gori); Canotto (65′ Ricci), Ménez (71′ Liotti), Rivas (55′ Cicerelli). In panchina: Ravaglia, Aglietti, Bouah, Cionek, Giraudo, Loiacono, Lombardi. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Frosinone (4-3-3): Turati; Sampirisi, Ravanelli, Szyminski, Cotali; Rohden (86′ Lulic), Mazzitelli, Boloca; Insigne (74′ Ciervo), Mulattieri (74′ Borrelli), Garritano (74′ Caso). In panchina: Loria, Oyono, Bocic, Kalaj, Moro, Monterisi, Oliveri, Frabotta. Allenatore: Fabio Grosso.

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti: Alessandro Lo Cicero di Brescia e Marco Ceccon di Lovere. IV ufficiale: Daniele Perenzoni di Rovereto. VAR: Gianluca Aureliano di Bologna. A-VAR: Federico La Penna di Roma 1.

Note – Spettatori: 14 648, di cui 95 ospiti. Ammoniti: Ménez (R), Insigne (F), Turati (F), Borrelli (F). Calci d’angolo: 6-6. Recupero: 1′ pt, 4′ st.

Reggina-Frosinone 0-3, le pagelle di StrettoWeb: attaccanti imbrigliati, fatale l’errore sullo 0-1

Serie B, risultati e classifica: Genoa e Bari accorciano sulla Reggina, Cosenza beffato

Reggina-Frosinone, Grosso: “giocata grande partita, vittoria meritata” | VIDEO

Reggina-Frosinone, Gagliolo: “hanno vinto con merito, dobbiamo fargli i complimenti” | VIDEO

Reggina-Frosinone, Inzaghi: “giornata non brillantissima, ma il primo gol non si può prendere” | VIDEO

Reggina-Frosinone, cronaca testuale live

90’+4 – Finisce al Granillo: Reggina-Frosinone 0-3.

90′ – Sono 4 i minuti di recupero.

82′ – Lampo improvviso della Reggina, che accorcia le distanze con Liotti, ma Mariani annulla il gol al Var per un fallo. Si resta sullo 0-3.

75′ – Tris di cambi per il Frosinone.

70′ – Quinto e ultimo cambio per Inzaghi, che comincia anche a preservarsi in vista di Como: dentro Liotti, fuori Menez, molto stanco.

67′ – Che batosta al Granillo, il Frosinone fa 0-3: su piazzato, Szyminski salta più in alto di tutti e batte Colombi. Passivo pesante, come contro il Perugia.

65′ – La Reggina rischia di subire il tris: contropiede letale, salva ancora Colombi.

62′ – Menez rientra in campo ma la Reggina non riesce a trovare sbocchi. Già è difficile far gol sullo 0-0, a questo Frosinone, figuriamoci se è avanti di due reti e gestisce alla grande. E infatti Inzaghi opera altri due cambi: dentro Crisetig e Ricci, fuori Canotto e Di Chiara.

60′ – Menez a terra, entrano i medici in campo. Nel frattempo è corner per il Frosinone.

54′ – Doppio cambio Reggina: fuori Hernani e Rivas, dentro Gori e Cicerelli. Reggina col 4-2-3-1.

49′ – Doccia gelata al Granillo: il Frosinone raddoppia. Super-gol dell’ex Insigne, che imbuca al volo incrociando dal limite. La Reggina era partita bene, ma è stata pugnalata nel momento migliore. Ora si fa durissima.

48′ – La Reggina parte bene in questo avvio e prova a schiacciare il Frosinone: azione prolungata sul limite dell’area, conclude Pierozzi che però manda alto.

46′ – Comincia la ripresa di Reggina-Frosinone: si riparte dallo 0-1, nessun cambio.

SECONDO TEMPO

45’+1 – Fischia Mariani, finisce il primo tempo: Reggina sotto di un gol a causa dell’errato disimpegno difensivo, unica macchia di una partita senza grandi errori da una parte e dall’altra e per questo equilibrata, anche se dopo lo svantaggio la squadra di Inzaghi ha accusato il colpo, rischiando in almeno altre due situazioni. Possibile che il mister sistemi qualcosa all’intervallo, quantomeno nell’atteggiamento se non negli uomini.

45′ – L’arbitro assegna 1 minuto di recupero.

42′ – Primo giallo anche per il Frosinone: Insigne in ritardo su Fabbian, che resta a terra.

37′ – Colombi si riscatta! Paratona a botta sicura, Frosinone a un passo dallo 0-2 in contropiede. La Reggina ha incassato il colpo e ora ha bisogno di risistemarsi.

33′ – Si sblocca il match al Granillo, il Frosinone passa: erroraccio in disimpegno di Camporese, che scivola da ultimo uomo e spiazza la strada a Mulattieri, il quale salta Colombi (che esce praticamente fuori dall’area) e segna a porta vuota.

32′ – Boloca dal limite, Colombi blocca in due tempi.

29′ – Ammonito per simulazione Jeremy Menez: bello scambio in area con Gagliolo, poi il francese va a terra e l’arbitro Mariani estrae il giallo.

25′ – Ravanelli ci prova da fuori, dopo diverse respinte della difesa amaranto in seguito a piazzato: palla alta. La partita rimane equilibrata.

20′ – Recupero pazzesco di Majer, che blocca Insigne pronto a scappare verso la porta. Ovazione del Granillo. Poi Gagliolo sbaglia un appoggio e lo stesso Insigne conclude, ma blocca Colombi.

15′ – Fallo sull’angolo: Gagliolo arriva in ritardo e sbatte su Turati.

13′ – Entrano in questo momento gli ultras del Frosinone, tambureggiando, accolti dai fischi di tutto il Granillo. La tifoseria ciociara è gemellata con quella del Messina. E nel frattempo la Reggina ottiene il terzo corner.

10′ – Prima occasione del match, è per la Reggina, che sfonda sulla destra con Rivas e Di Chiara, ma la conclusione del terzino finisce fuori.

6′ – Il copione sembra chiaro in questo avvio: entrambe provano a giocare e palleggiare, mantenendo il baricentro alto e andando subito in ripiegamento alla perdita del possesso.

2′ – Primo corner del match, è per la Reggina. Schema con palla ad uscire per Di Chiara, Majer a botta sicura si fa respingere il tiro.

1′ – Si parte, è cominciata Reggina-Frosinone! Atmosfera da urlo! La Reggina in questo primo tempo attaccherà verso la Curva Nord. Fischio d’inizio affidato agli ospiti.

PRIMO TEMPO

Reggina-Frosinone, prepartita

Ore 14:47 – Premiazione e ovazione per Luigi Canotto, che ha ricevuto il riconoscimento come miglior giocatore della Serie B del mese di novembre. Premio consegnato dal patron amaranto Felice Saladini.

Ore 14:22 – Al Granillo, ormai, ogni pre-gara è una grande festa. In questo momento hanno fatto ingresso le due squadre, con gli amaranto ovviamente accolti dalla calorosissima ovazione di un Granillo che vede già tantissime presenze. Precedentemente, la consueta esibizione di danza che ha allietato i presenti.

Reggina-Frosinone, le formazioni ufficiali

Moduli speculari per Inzaghi e Grosso, come prospettato. Il tecnico della Reggina non cambia nulla rispetto a Brescia, troppo forte il rischio di cambiare la formazione titolare, che tanto bene ha fatto al Rigamonti. Possibile, probabile, che più di una rotazione possa avvenire a Como. L’allenatore del Frosinone, invece, lascia fuori Caso nel tridente.

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Camporese, Gagliolo, Di Chiara; Fabbian, Majer, Hernani; Canotto, Ménez, Rivas. In panchina: Ravaglia, Aglietti, Bouah, Cionek, Giraudo, Liotti, Loiacono, Crisetig, Lombardi, Cicerelli, Gori, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Frosinone (4-3-3): Turati; Sampirisi, Ravanelli, Szyminski, Cotali; Rohden, Mazzitelli, Boloca; Insigne, Mulattieri, Garritano. In panchina: Loria, Oyono, Lulic, Caso, Bocic, Ciervo, Kalaj, Moro, Monterisi, Oliveri, Borrelli, Frabotta. Allenatore: Fabio Grosso.

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti: Alessandro Lo Cicero di Brescia e Marco Ceccon di Lovere. IV ufficiale: Daniele Perenzoni di Rovereto. VAR: Gianluca Aureliano di Bologna. A-VAR: Federico La Penna di Roma 1.