fbpx

Reggina, TuttoSport: “Gallo faticava a permettersi Menez, ora Saladini e con Inzaghi è un’altra storia”

Reggina-Palermo Menez esultanza gol Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

L’articolo di TuttoSport interamente dedicato al “francese ritrovato”: dopo due anni, “riecco Menez” in grande stile alla Reggina, rinfrancato dalla cura Inzaghi

Ancora ribalta nazionale per la Reggina. Tutti i maggiori quotidiani sportivi italiani, ma non solo, continuano a parlare con frequenza degli amaranto. Dalla società, con Saladini e Cardona alla guida, Inzaghi, ovviamente, passando però anche dai calciatori, con il giovane Fabbian sugli scudi nelle ultime settimane. Ma TuttoSport decide di andare oltre e dedicare un articolo a uno degli uomini-copertina di questo avvio importante della squadra dello Stretto: Jeremy Menez. Il giornale torinese esalta il francese e il suo ritorno in grande stile dopo due stagioni in chiaroscuro: “Ben ritrovato, Jeremy Menez – si legge – La terza stagione alla Reggina dell’estroso attaccante francese sembra essere la più promettente, dopo due stagioni in chiaroscuro, passate fra qualche lampo da calcio d’alta quota, infortuni e tentativi di cessione a ogni sessione di mercato per via di un contratto oneroso che la precedente società di Gallo faticava a permettersi. Poi è sbarcato patron Saladini e con lui Pippo Inzaghi, ed è stata tutta un’altra storia, non solo per Menez, visto che dopo 6 giornate di B gli amaranto sono in testa, assieme al Brescia, con 15 punti su 18. Col miglior attacco (14 gol) e la miglior difesa (-2)”.

“Una squadra – scrive ancora il quotidiano – dove brilla la classe del francese, nonostante la carta d’identità dica 35 anni, anche se il fisico appare ancora come quello di un ventenne. Potenza di Pippo: con lui, Jeremy aveva disputato la miglior stagione in carriera, in A ai tempi del Milan (16 gol). Inzaghi lo ha rimesso al centro del progetto facendolo partire titolare da falso nueve del suo 4-3-3, col risultato che la squadra non solo ne esalta le doti superiori perché pone Jeremy nel cuore del gioco, ma resta più corta e si difende meglio di quando schiera un centravanti di ruolo (dove la Reggina dispone di due pedine, Gori e Santander). Ogni partita, Menez parte dall’inizio e non gioca non più di un’ora abbondante perché va gestito meglio delle passate stagioni. Pochi mesi dopo il suo arrivo alla Reggina, lui stesso ammise che veniva da un periodo in cui, passando per Turchia, Messico e B francese, non s’era allenato più come un tempo. E questo spiega anche la serie d’infortuni patiti nelle prime due stagioni sullo Stretto, quando i suoi muscoli dovevano sopportare carichi di lavoro a cui non erano più abituati. Ma la classe c’è ancora tutta, basta andarsi a rivedere le due reti gioiello nelle vittorie su Spal e Palermo. In quelle di Pisa e sul Cittadella invece ha fatto l’assist vincente. Da stropicciarsi gli occhi il lancio da oltre 50 metri con cui all’Arena Garibaldi ha innescato il gol del guizzante Canotto, nell’occasione servito sul piede. Insomma, c’è tanto Menez in questa Reggina rivelazione. Il prossimo giugno andrà in scadenza contrattuale, un mese dopo aver compiuto 36 anni. E non sarebbe male goderselo ancora per un po’, il prezzo del biglietto per vederlo lo vale sempre”.