fbpx

Catania: caso sospetto di Febbre del Nilo su una donna

Febbre del Nilo

Catania: si attendono i risultati delle analisi per sapere se è confermato un caso di Febbre del Nilo su una donna ricoverata in gravi condizioni

Una donna di 72 anni e’ ricoverata in gravi condizioni nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale San Marco di Catania per un sospetto caso di Febbre del Nilo. Lo scrive stamane il quotidiano ‘La Sicilia’ di Catania. Se fosse confermato, sarebbe il secondo in Sicilia. La donna, residente in una zona di campagna a Ramacca, vive insieme con il figlio nelle vicinanze di un allevamento di cavalli.

Sul caso c’e’ il massimo riserbo. Si attende la campionatura delle analisi di laboratorio. A confermare se si tratti o no di Febbre del Nilo sara’ nei prossimi giorni l’Istituto superiore di sanita’.

“Non c’e’ bisogno di fare allarmismo – spiega nell’articolo il direttore Uoc Malattie Infettive del Cannizzaro Carmelo Iacobello – perche’ altrimenti rischiamo di aprire un altro fronte di preoccupazione: si tratta di patologie che nella maggior parte dei casi sono del tutto benigne o autolimitanti. Purtroppo non e’ cosi’ semplice fare un intervento di disinfestazione sulle zanzare, ma anzi e’ piuttosto complicato. Non siamo piu’ nell’immediato dopoguerra, quando si usava il Ddt. Occorre predisporre uno studio sulla diffusione della culex all’interno di un contesto geografico perche’ e’ importante sapere quante sono le zanzare potenzialmente responsabili della diffusione della malattia. E poi proteggersi. Non e’ una malattia cosi’ diffusa come potrebbe essere la malaria. Sono situazioni che forse creano piu’ allarme di quanto non sia necessario”.