fbpx

Reggio Calabria, al reparto di pediatria arriva un laboratorio artistico-terapeutico per i piccoli pazienti

/

Reggio Calabria: “Mondi da favola” è un laboratorio artistico-terapeutico per portare in dono arte e un pò d’estate ai bambini della Pediatria del GOM

“Macchie di colore che aprono nuovi mondi verso la fantasia e la creatività dei bambini, suoni che evocano ricordi per creare nuove melodie segniche, supereroi e personaggi da fiaba che si trasformano in personalissimi alter ego”. Sono queste le premesse del Laboratorio artistico terapeutico “Mondi da Favola”, pensato dalla dottoressa Roberta Cuzzola per il reparto di Pediatria del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria e finanziato, grazie ad una generosa raccolta fondi, dai dai Service Zona Calabria Enotria distretto Rotaract 2102 e zona 8 distretto Leo 108Ya.

Nella giornata di ieri ha avuto luogo il primo appuntamento (vedi foto) di un ciclo di dieci sedute della durata di due ore ciascuna, che si prolungheranno per tutto il mese di luglio e che animeranno la vita nella U.O.C. di Pediatria, diretta dal dr. Domenico Minasi, e che avranno il merito di mitigare il peso della degenza dei piccoli pazienti, oltre che dare un significativo supporto terapeutico secondo quella concezione olistica della medicina che intende curare gli aspetti mentali e spirituali della persona alla stregua di quelli fisici e biologici.

Il Progetto “Mondi da Favola” ribadisce con forza l’importanza dell’arte e del gioco nella vita quotidiana dei bambini, e ha i seguenti obiettivi: umanizzare i luoghi ospedalieri rendendoli, attraverso la produzione di opere di artistiche esteticamente qualitative, più confortanti e stimolanti; fornire agli utenti, attraverso l’Arte, nuovi strumenti per esprimere al meglio se stessi facendo emergere pensieri, sentimenti, stati d’animo che condizionano negativamente i soggetti e non permettono una più lieta consapevolezza dell’esperienza. Senza la paura di essere giudicati, ma potendo liberamente comunicare, attraverso il fare artistico, si innescherà a livello inconscio, un graduale processo terapeutico e di maggiore conoscenza di sé che sarà altamente trasformativo. Puntare, infine, sulla valenza sociale riabilitativa indotta dal coinvolgimento degli individui in un’esperienza collettiva e condivisa.

La Direzione Strategica del G.O.M. di Reggio Calabria esprime apprezzamento e gratitudine nei confronti di tutti coloro che hanno preso parte alla complessa fase organizzativa del Progetto, e ringrazia in particolare la dottoressa Roberta Cuzzola, artista terapista laureata all’Accademia di Brera, a dottoressa Fabienne Marino – delegato Zona Calabria Enotria Distretto Rotaract 2102, la dottoressa Eleonora Romeo – delegato Zona Calabria 8 del Distretto Leo 108Ya, il Presidente del Rotaract di Reggio Calabria Antonio Linguardo e il Presidente del Leo Club Reggio Calabria Host “Vittoria G. S. Porcelli” Andrea Manti. Un ringraziamento va anche al dr. Domenico Minasi, Direttore della U.O.C. Pediatria, alla caposala Consolata Bevacqua, per il supporto logistico offerto al progetto, ed al dott. Simeone Carullo per la parte organizzativa ed amministrativa.