fbpx

Anche l’Ucraina boccia il piano di pace dell’Italia: “no a concessioni su nostra sovranità”

Dmytro Kuleba Foto Olivier Hoslet / Ansa

Dopo la Russia, anche l’Ucraina boccia il piano di pace proposto dall’Italia: il ministro degli esteri Kuleba sottolinea come Kiev non sia disposta ad alcuna concessione sulla propria sovranità

Nei giorni scorsi era arrivato il secco no della Russia, con parole molto forti spese dall’ex premier Medvedev. Nelle ultime ore, anche l’Ucraina ha deciso di bocciare il piano per la pace proposto dall’Italia. Nonostante l’impegno profuso dal governo italiano per favorire una base per il cessate il fuoco, nessuna delle due parti in causa ha scelto di deporre le armi. In particolare, l’Ucraina non intende discutere della cessione dei propri territori alla Russia.

Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino, nel corso del World Economic Forum di Davos, ha dichiarato: “il ministro degli Esteri Luigi di Maio è un amico e quindi in linea di principio non ho niente contro qualcosa che viene proposto da un amico. Parlando politicamente voglio che capiate una cosa: noi diamo il benvenuto a ogni tipo di piano che non implichi la creazione di un’altra contact-line o che preveda concessioni ucraine sulla nostra sovranità. Siamo disposti a discutere di qualunque altra cosa”, afferma rispondendo a una domanda sul piano di pace proposto dall’Italia. Per Kuleba “un piano che congeli la situazione attuale non verrà sostenuto dall’Ucraina“.