Categoria: EDITORIALIMESSINANEWSSICILIASPORT

Acr Messina, ecco la luce: avviata raccolta fondi per rilanciare il club, come partecipare

Il presidente Sciotto ha annunciato la campagna Crowdfunding, toccherà ai messinesi di ogni angolo del mondo sostenere la squadra del cuore

E’ cominciata la raccolta fondi per il rilancio del Messina Calcio. “Tanto, quanto. Sosteniamo il nostro Messina. Questo è il nome della campagna Crowdfunding partita ieri, venerdì 24 giugno, a sostegno dell’operazione di rilancio del Messina Calcio”. E’ quanto comunica il profilo social ufficiale dell’Acr Messina. I fondi possono essere versati sulla piattaforma Eppela, a questo link: https://www.eppela.com/projects/8678. L’importante novità è giunta ad esito della riunione convocata dal Presidente della biancoscudata Pietro Sciotto alla presenza del Direttore generale Raffaele Manfredi. Hanno partecipato all’incontro Dario Carbone, in rappresentanza del gruppo di tifosi che ha proposto il Crowdfunding, Pippo Trimarchi, editore di Tempostretto, che sostiene l’iniziativa, e Domenico Abbriano rappresentante di Universo Messina.

“I messinesi di ogni angolo del mondo a sostegno della loro squadra del cuore – prosegue la nota stampa – . La raccolta fondi è un significativo momento di condivisione che mira a coinvolgere i messinesi di ogni angolo del mondo a supporto di un progetto sportivo ambizioso. Non c’è limite, infatti, agli obiettivi che si possono raggiungere se una comunità, in tutte le sue componenti, agisce all’unisono. Il calcio porta sempre gioia e i messinesi non vedono l’ora di tornare ad emozionarsi allo stadio e fuori per la loro squadra del cuore”. L’accredito dei fondi potrà avvenire anche sul conto corrente intestato all’Acr Messina al seguente Iban: IT55C0503416500000000006057 – Codice Swift: BAPPIT21P54.

Creare una squadra all’altezza delle tradizioni del Messina

I fondi raccolti aiuteranno a rendere concreta la possibilità che il Messina, con un organico adeguato, torni ad essere protagonista in campionati consoni alla sua tradizione, con una visione pulita e leale del calcio: “questo meraviglioso sport deve anche tornare ad essere strumento di coesione sociale e di aggregazione sul territorio. A questo proposito il presidente Sciotto ha condiviso la proposta di Pippo Trimarchi e Dario Carbone che mira a mettere in atto una sinergia tra l’Acr Messina e il Comune per realizzare un’attività promozionale che favorisca l’attività calcistica gratuita dei nostri ragazzi in tutti i villaggi e i quartieri della città. Si vuole, così, porre anche le basi per una politica di sviluppo del vivaio, elemento essenziale per ottenere importanti risultati sportivi in un quadro di sostenibilità economica”.

Il ringraziamento di Pietro Sciotto

Il presidente Sciotto non ha nascosto il suo entusiasmo per lo spirito di partecipazione che vede crescere intorno all’idea di un Messina Calcio che torni ad essere l’orgoglio di un intero territorio. Sciotto ha anche ringraziato i promotori e i sostenitori del Crowdfunding che già si sono messi all’opera per assicurare il migliore dei risultati: “adesso l’auspicio è che tutti i messinesi facciano la loro parte così come ha cominciato a fare il Presidente Pietro Sciotto che, insieme alla sua famiglia, superando una comprensibile fase di scoramento ha deciso di iscrivere la squadra al campionato di Serie C”.

Anche le aziende messinesi devono essere protagoniste

E’ lecito sperare che anche le imprese contribuiscano economicamente al rilancio del Messina: “da questo punto di vista, Pippo Trimarchi, oltre ad assicurare il versamento di un contributo da parte dalla Tempo Stretto S.r.l., ha prospettato anche un altro tipo di sostegno. Ad ogni azienda che verserà una somma non inferiore a 1.000 Euro, il quotidiano online Tempostretto offrirà un videoredazionale in cui gli imprenditori potranno raccontarsi e promuovere la loro proposta aziendale. Si realizzerà, così, un contenitore chiamato “Gli alfieri del Messina” riservato appunto alle aziende che in questo momento delicato aiuteranno la loro squadra di calcio”.